MED_SEN_schwangerschaft_006-16-Schwanger-am-Fenster-070-K1.jpg

Dove e come voglio partorire?

In Svizzera attualmente circa il 97 percento delle future mamme sceglie l’ospedale come luogo per il parto. Per le gravidanze a rischio come ad esempio gravidanza gemellare, ipertensione, determinate malattie precedenti della madre (ad es. diabete) o epatite C si consiglia assolutamente il ricovero in una clinica che offra un approvvigionamento medico completo. Circa il 2 percento delle donne incinte predilige il centro d’ostetricia, mentre circa l’1 percento opta per il parto a domicilio. A proposito: fino agli anni Cinquanta in Svizzera il parto in casa era la regola e in Paesi come Canada, Olanda e Inghilterra la quota è ancora del 30 percento. Qui di seguito trovate le principali informazioni sui vari luoghi per il parto.


Parto ospedaliero

  • Vantaggio principale: assistenza medica sicura in caso di complicazioni.
  • Atmosfera: le tristi sale parto di un tempo sono state trasformate in stanze moderne con un ambiente di benessere.
  • Mezzi ausiliari: vasca per il parto in acqua, sgabello, letto, ruota, palla da ginnastica, corda, spalliera ecc.; a seconda dello standard di allestimento dell’ospedale.
  • Doccia/WC: è presente in ogni camera.
  • Urgenze: rapido approvvigionamento medico, nonché tutti i mezzi ausiliari e gli specialisti per l’utilizzo di forcipi o ventose o per il parto cesareo.
  • Reparto prematuri: se il parto avviene tra la 37a e la 42a settimana, la gravidanza è considerata a termine. Se il vostro bambino nasce prima, viene considerato prematuro. I maggiori ospedali cantonali o le cliniche universitarie hanno le apparecchiature necessarie. Tale unità si chiama neonatologia.
  • Assistenza durante il parto: per i casi normali durante il parto in ospedale è sempre presente un’ostetrica. Non è però sempre nella vostra stanza, soprattutto non nella prima fase, in modo che possiate stare anche da sole con il vostro partner.
  • Terapie alternative: oggi le ostetriche degli ospedali conoscono anche le terapie alternative e quindi per alleviare i dolori vengono offerti anche massaggi, agopuntura, fitoterapia e aromaterapia.
  • Assistenza medica a tutto campo: non appena il parto ha inizio, sarete seguite senza interruzioni dalla levatrice e, a seconda della situazione, da un medico e probabilmente da altro personale medico.
  • Centro d’ostetricia nell’ospedale: si tratta di un reparto speciale, dove su richiesta dei futuri genitori durante il parto è presente solo un’ostetrica. Il medico viene chiamato solo in caso di complicazioni. I centri d’ostetricia integrati non sono presenti in tutti gli ospedali, vale la pena informarsi.
  • Durata della degenza: se partorite ambulatorialmente (parto naturale) e non ci sono complicazioni, potete lasciare l’ospedale già dopo poche ore (al minimo 4 ore) insieme al vostro bambino. Se volete trascorrere i primi giorni di puerperio in ospedale, la durata della degenza (se il vostro bebè sta bene) è di 2-4 giorni in caso di parto naturale e di 4-5 giorni in caso di taglio cesareo.
  • Costi: Sanitas si assume totalmente i costi per il parto e l’assistenza durante il puerperio tramite l’assicurazione base e questo senza fatturare la franchigia e l’aliquota.

Parto in un centro d’ostetricia

  • Vantaggio principale: il parto si svolge nel modo più naturale possibile.
  • Atmosfera: i centri d’ostetricia sono attenti a creare un ambiente rilassato e familiare con ostetriche competenti e ben formate. Le future mamme devono sentirsi sicure e protette. Per questo motivo durante il parto vengono soddisfatti i loro desideri e le loro idee.
  • Mezzi ausiliari: vasche (parto in acqua), mezzi naturali per alleviare il dolore (terapie alternative), sale parto arredate in modo accogliente, sgabello, tappetino, palla da ginnastica, corda ecc. A seconda dello standard di allestimento del centro d’ostetricia.
  • Accompagnamento della famiglia: spesso è possibile la sistemazione della famiglia in una stanza.
  • Durata della degenza: nella maggior parte dei casi il parto avviene a livello ambulatoriale, vale a dire che voi e il vostro bambino siete a casa entro 24 ore, dove venite assistite dalla vostra ostetrica durante il puerperio. Alcuni centri d’ostetricia offrono anche un’assistenza stazionaria fino a 6 giorni dopo il parto.
  • Assistenza durante il parto: spesso, a differenza del parto in ospedale, qui ha luogo un’assistenza personale, vale a dire che l’ostetrica è presente esclusivamente per voi e non si occupa allo stesso tempo anche di altre partorienti. Si tratta della stessa levatrice che vi ha seguito durante la gravidanza.
  • Urgenze: solo raramente i centri d’ostetricia collaborano con medici. Se subentrano complicazioni, venite trasportate all’ospedale più vicino insieme alla vostra ostetrica, dove, se necessario, si potrà procedere al parto cesareo.
  • Utilizzo di analgesici: spesso nei centri d’ostetricia non viene utilizzata l’anestesia epidurale o peridurale (PDA, anestesia effettuata vicino al midollo spinale che porta a un rilassamento di tutto il bacino e libera quasi totalmente dai dolori). Venite invece aiutate preferibilmente con terapie termiche e di respirazione, massaggi, suoni e la motivazione a muovervi (cambiare posizione).
  • Costi: Sanitas si assume totalmente i costi per il parto e l’assistenza durante il puerperio tramite l’assicurazione base e questo senza fatturare la franchigia e l’aliquota.

Parto a domicilio

  • Vantaggio principale: l’atmosfera privata in un ambiente conosciuto. Ciò può avere un effetto rilassante e tranquillizzante.
  • Assistenza durante il parto: durante le doglie e il momento di dilatazione, assistenza da parte di un’ostetrica che viene contattata il prima possibile durante la gravidanza. Per il parto viene coinvolta una seconda ostetrica, affinché madre e bambino possano essere assistiti al meglio. In casi singoli, durante il parto viene chiamato anche un medico.
  • Urgenze: per il parto cesareo o altre urgenze la donna viene portata all’ospedale.
Indicazione giuridica Colofone