Dolori muscolari | Sanitas Assicurazione malattia
MED_SEN_joggen__D3S7552.jpg

I dolori muscolari sono sempre un brutto segno?

I dolori muscolari sono sempre un brutto segno?

Lo sapete?
Nello sport e nell’alimentazione ci sono molte convinzioni, credenze e teorie. Alcune sono corrette, altre no. Vogliamo sapere cosa ne pensate e sfatare alcuni miti. Partecipate al nostro sondaggio e scoprite la risposta giusta!

La risposta A è quella giusta.

Il dolore ai muscoli deriva da piccole lesioni della microstruttura dei muscoli: attorno alla zona del trauma, la muscolatura si gonfia e si indurisce. Con questo cosiddetto meccanismo di protezione involontario il corpo evita di muovere e caricare ulteriormente le zone lesionate. Ha la stessa funzione del gesso messo dal medico in caso di frattura ossea.

Tuttavia, il dolore muscolare indica anche che la muscolatura si sta rafforzando: il corpo aumenta la muscolatura per evitare che possano insorgere nuove microlesioni. La muscolatura, infatti, si adatta molto rapidamente al carico cui la si sottopone. Per aumentare la massa muscolare è necessario aumentare in modo mirato gli stimoli durante l’allenamento per riprodurre questi «micro-strappi».

È importante sapere che non tutti i dolori muscolari sono uguali. Possono essere provocati da un allenamento troppo intenso, oppure da un movimento ripetuto che non si è abituati a compiere. Di conseguenza, anche le persone molto allenate possono avere dei dolori muscolari se, ad esempio, si cimentano in un nuovo tipo di sport.

Nonostante il dolore ai muscoli faccia male, non è pericoloso. Il rischio si corre quando si continua ad allenarsi in modo eccessivo: in tal caso, infatti, i micro-strappi generano una stiratura muscolare e, nel peggiore dei casi, uno strappo.

I consigli di Andreas Tasci per il dolore muscolare   

  • Bere molta acqua e assumere della vitamina C favorisce la rigenerazione.   
  • Un movimento moderato favorisce la circolazione sanguigna e, quindi, la riparazione delle micro lesioni.   
  • Dopo un allenamento intenso non fare stretching in modo eccessivo o troppo a lungo perché si rischia di danneggiare ulteriormente le fasce muscolari lesionate. Meglio allungarsi per poco tempo e rilasciare subito la tensione.

 

Andreas Tasci, Master Personal Trainer

Di più sull’argomento

www.tasci.ch

MED_SEN_joggen__D3S7749.jpg
Shop online Sanitas
Pronti? Via!
Indicazione giuridica Colofone