In focus | Sanitas Assicurazione Malattia
SANITAS_shoes_20170329-7F9A1725.jpg

Scarpe belle e anche salutari. È possibile.

Scarpe belle e anche salutari. È possibile.

Chi bello vuole apparire, qualche pena deve soffrire. Parole sante, quando si tratta di scarpe. Un’esperta di moda e un chirurgo del piede ci svelano quando comodità e moda vanno a braccetto e quando la moda è anche salutare.

Testo: Andrea Monica Hug e Ruth Jahn
Immagini: Andrea Monica Hug

Le sneaker

Sportive con design

Le sneaker non devono essere per forza di grandi marche. Ci sono dei bellissimi modelli in pelle o tela, a fantasia o tinta unita. Sono sempre di moda quelle bianche. Le sneaker si possono indossare anche per spezzare con un vestito elegante o un vestitino estivo. Ancora meglio, sono trend sia per donne che per uomini e pertanto ecco il mio consiglio: le donne possono benissimo cercare le sneaker nel reparto maschile, e viceversa.

 

Di tendenza, ma che odore...

Le sneaker di solito sono comode. Di per sé non c’è niente da ridire. Se non fosse per quell’odorino... La miglior cosa è non indossare esclusivamente scarpe da ginnastica; in questo modo i piedi sudano di meno e non si corre il rischio di micosi. Per l’uso quotidiano delle sneaker non è necessario né un plantare né l’ammortizzamento. In palestra invece è necessario un plantare, una buona tenuta del tallone e a seconda della disciplina sportiva una pianta larga; per il jogging sull’asfalto un certo ammortizzamento.   


Le Kitten Heel

Un ottimo compromesso

Le Kitten Heel sono perfette per dare un tocco di eleganza, senza dover ricorrere al tacco alto. Non troppo alte, ma abbastanza da dare slancio e con la punta snelliscono le gambe quasi quanto i tacchi a spillo. Se si osa un modello a fantasia o con effetto metallico, il successo è garantito!

 

Corsetto per i piedi

Le scarpe con la punta stretta hanno un prezzo: le dita vengono schiacciate, la scarpa preme e fa male. Con il tempo possono causare deformazioni quali l’alluce valgo o le dita a griffe. Fortunatamente non hanno il tacco troppo alto. Così la pressione sull’avampiede non è troppo eccessiva. Al contempo questo tipo di scarpa è tutt’altro che ergonomica e il tacco fine non dà abbastanza stabilità.


Mocassini

City Chic con un tocco di nostalgia

Cosa indossa un uomo quando non ha voglia di scarpe da ginnastica o scarpe eleganti? I mocassini! Queste scarpe sono adatte per pantaloni corti e una camicia, oppure con jeans e maglietta. Particolarmente belli sono quelli in camoscio che danno un tocco estivo alle gambe abbronzate (si spera!).

 

Basse e senza restrizioni

Essendo basse e pieghevoli, le scarpe basse senza lacci costringono il piede meno delle usuali scarpe basse. Hanno così un effetto di allenamento della muscolatura del piede.   Il punto debole è la mancanza di tenuta e la possibilità di fuoriuscita del piede.


Le zeppe

Fascino vintage

Le scarpe alte non sono pensate per essere indossate una giornata intera. Sono adatte per un vestito da sera o un appuntamento di lavoro con un completo pantaloni. Per chi considera i tacchi a spillo troppo rischiosi, quest’anno può guadagnare qualche centimetro con le zeppe. I tacchi hanno un breve effetto dimagrante: il corpo è allungato, le gambe risultano più lunghe e snelle.

 

Scarpe belle, piedi doloranti

Con i tacchi alti le donne non fanno certo del bene ai loro piedi. L’articolazione della caviglia viene praticamente immobilizzata. Si esercita troppa pressione sull’avampiede e le dita vengono forzate in una postura sbagliata. I muscoli delle cosce e dei polpacci vengono strapazzati e la muscolatura del polpaccio si accorcia. Eventuali effetti postumi sono vene varicose, artrosi al ginocchio, disturbi all’anca, lordosi, nonché deformazioni del piede. Si dice che i tacchi alti abbiano un certo effetto di allenamento. Può essere per quanto riguarda l’equilibrio, ma non giovano certamente alla salute.


Le slip-on

Quando stile e comodità si incontrano

Le «slip-on» non sono solo comodissime e si prestano quindi perfettamente per una passeggiata in centro città, ma grazie alle nuove versioni con applicazioni e diverse fantasie sono anche un accessorio versatile e chic. Sono adatte per qualsiasi abbigliamento sportivo e casual e, abbinate a giacca e camicia, danno un tocco di originalità al look da ufficio.

 

Rilassanti, ma non troppo

Scarpe basse e comode rilassano i nostri piedi, ma li rendono anche “pigri” e possono fare in modo che i muscoli dei piedi si atrofizzino. Ma questo vale solo per i piedi sani. In caso di problemi (p.es. piede piatto, piede piatto-valgo o malformazione del tallone) un buon plantare è vantaggioso.


Scarpe business

Business sì – ma in modo giusto!

Con le scarpe business non si sbaglia mai! A meno che non siano sporche o del colore sbagliato. Perciò è consigliabile preferire le tonalità del nero o marrone. Inoltre, si deve prestare una particolare attenzione all’igiene delle scarpe. Abbinandole p.es. a calzini o lacci rossi diventano un accessorio al tempo stesso chic e alla moda.

 

Una questione di misura

Per chi costringe i suoi piedi giorno dopo giorni in scarpe chiuse, è consigliabile prestare particolare attenzione a scegliere la misura e la calzata giusta.  Le scarpe non devono essere né troppo corte, né troppo strette. Preferite scarpe di pelle morbida, in modo che non premano o sfreghino.


Le tre regole d’oro per piedi sani

  1. Se una scarpa è comoda, si è già a metà dell’opera. Prestate attenzione a scegliere scarpe abbastanza larghe. L’85% delle persone che hanno dolori ai piedi, indossa calzature troppo strette. Ciò compromette la salute dei piedi.
  2. Non c’è niente di meglio per il piede che cambiare spesso scarpe. E poi, se già costringete i vostri piedi, almeno non fatelo sempre allo stesso modo. Ogni scarpa spinge i piedi in una posizione rigida, fatto che grava sulle articolazioni.
  3. Quando potete, camminate a piedi nudi. L’ideale sono suoli irregolari, nel bosco e sui prati, ma anche a casa. Camminare senza scarpe è l’allenamento ideale per i piedi, poiché vengono usati e attivati tutti i muscoli.  In particolare modo i muscoli lunghi del piede che arrivano fino a sotto il ginocchio, nonché i piccoli muscoli sul collo del piede, ai lati e sulla pianta del piede.

Per gentile concessione di Walder calzature e il FussInstitut Zürich.

L’esperta di moda

@andreamonicahug è fotografa, fashion blogger e autrice da cinque anni del blog Chic in Zurich.


L’esperto di salute

Il dr. med. Georg Klammer è specialista in chirurgia ortopedica e traumatologia dell’apparato locomotore presso il FussInstitut Zürich.

Indicazione giuridica Colofone