Sani_Drachen_Moodbild_03_15.jpg

Sani e l’aquilone

Sani costruisce un bellissimo aquilone

Finalmente è arrivato l’autunno! Cadono le prime foglie e in cielo si vedono i primi aquiloni. Sani non vede l’ora di costruire e far volare il suo aquilone. Ovviamente vuole anche decorarlo con mille colori. Volete provare anche voi? Sani vi mostra come fare!

 

L’occorrente:

  • 2 bacchette di legno: bacchetta verticale di ca. 90 cm e bacchetta trasversale di ca. 70 cm, entrambi spesse ca. 5 mm
  • Carta velina*, ca. 100 x 85 cm
  • Nastro adesivo e colla
  • Spago resistente
  • Cordino
  • Anello di metallo
  • Una piccola sega, forbici, matita e una riga


 

*Un consiglio: al posto della carta velina potete anche utilizzare una grande busta di plastica o un sacco per i rifiuti. Se volete dipingere l’aquilone, vi conviene utilizzare un tessuto speciale per aquiloni (p.es. il tyvek) che trovate nei negozi fai da te.

 

Pronti? Via!

1° passo: costruire il telaio dell’aquilone

Incrociate le due bacchette a circa 20 cm dall’estremità superiore della bacchetta verticale. Qui posizionate l’esatta metà del bastoncino trasversale, creando così la forma tipica dell’aquilone. Poi fissate le due bacchette con lo spago e fate un nodo ben serrato.

2° passo: tendere lo spago

Alle quattro estremità delle bacchette di legno, fate una piccola incisione con la sega.  Magari fatevi aiutare da un adulto!  Fate passare lo spago nelle incisioni in modo che sia ben teso attorno al telaio dell’aquilone.

Un consiglio: con un po’ di colla la corda non "scappa" dalle incisioni.

3° passo: attaccare la carta velina

Posizionate la struttura di legno sulla carta velina e ritagliate la forma dell’aquilone.

Importante: aggiungete un bordo di ca. 5 cm a ogni lato! Questo bordo lo piegate poi attorno allo spago teso e lo fissate con il nastro adesivo.

Un consiglio: se volete colorare o decorare l’aquilone, vi conviene farlo prima di attaccare la carta velina.

4° passo: praticare i fori per la briglia

Contrassegnate i due punti sulla carta come indicato nell’immagine. Rafforzateli con del nastro adesivo in modo che la carta non si strappi. Ora praticate un foro in questi due punti e passatevi lo spago.

5° passo: annodare la briglia correttamente

Posizionate lo spago sull’aquilone come indicato nell’immagine, in modo che formi un angolo. Contrassegnate la punta di questo angolo con la matita. Adesso avete la lunghezza esatta per la briglia e potete annodare le estremità dello spago, ovvero i rami della briglia, al retro del telaio.

6° passo: infilare l’anello

Nel punto che avete contrassegnato prima infilate l’anello come dimostrato nell’immagine.

Prova: sollevate il vostro aquilone tenendolo per l’anello. Se non è in equilibrio, spostate semplicemente l’anello o cambiate la lunghezza della briglia.

7° passo: una coda lunga e colorata

Prendete un cordino lungo e annodatevi dei nastri di carta velina colorati a distanza di ca. 20 cm tra di loro.

Un consiglio: più forte soffia il vento, più lunga dovrebbe essere la coda del vostro aquilone.

8° passo: attaccare il cavo di ritenuta

Infine annodate il cavo di ritenuta all’anello. Fatto! Il vostro aquilone è pronto per spiccare il volo.

Importante: prestate attenzione a fare volare il vostro aquilone solo dove avete sufficiente spazio. Non fatelo volare mai in prossimità delle linee elettriche di alta tensione, linee ferroviarie, case o alberi.

Indicazione giuridica Colofone