Condividere momenti Giovani adulti Ciao mamma, vado a vivere da solo! Appartamento condiviso o per conto proprio? Un semestre all’estero Soggiorno linguistico o alla pari Entrate in servizio ben preparati Grassrooted Cosa mettere in valigia Immagine Contraccettivi Alimentazione vegana Ciao mamma, buongiorno coinquilino Tante mete, pochi soldi Finanzielle Vorsorge Desiderio di maternità Monitorizzare la fertilità Il momento giusto Il contributo dell’uomo Fertilità e alimentazione Il controllo medico Fatti importanti sull’ovulazione Consigli se non funziona Tre rilevatori della fertilità e del ciclo a confronto La coppia e il desiderio di avere un figlio Gravidanza Esami durante la gravidanza Come mi alimento in modo corretto? La mia gravidanza prosegue normalmente? Consigli per la quotidianità A cosa devo prestare attenzione durante i viaggi? La mia gravidanza prosegue normalmente? Cosa occorre per il bebè? Dove e come voglio partorire? Cosa devo mettere in valigia per il parto, cosa preparo? Come trasformo l’appartamento a misura di bambino? La mia gravidanza prosegue normalmente? Come mi preparo in modo ottimale al bambino? Come mi preparo in modo ottimale al parto? Apporto energetico Rapporto genitore figlio Preparazione all’allattamento Assicurazione Smagliature Dormire Rottura delle acque Baby blues Gravidanza a rischio Contrazioni preliminari Formalità Nausea Camera familiare Il nostro bebè Il bagnetto del bebè L’udito dei bebè La farmacia per il bebè Cura del bebè Mio figlio si sta sviluppando normalmente? Sviluppo del bebè: 1° e 2° mese Mio figlio si sta sviluppando normalmente? Sviluppo del bebè: 3° e 4° mese Cura del bebè Allattamento Quando si inizia con le pappe? Peso Scatti di crescita del bebè Giocattoli Protezione solare per bebè Zahnen Infortuni ai denti Il vostro bebè nel 5° e 6° mese Esercizi pratici per il pavimento pelvico Babyschlaf Festeggiare e godersi la vita Natale e Capodanno diversi dal solito Il piacere da un punto di vista filosofico Il piacere c’è anche nella mensa dei poveri a Zurigo Consigli per meno stress e più serenità durante le feste Natale: una festa con qualche insidia Intervista con René Rindlisbacher Vivere meglio con un’insufficienza cardiaca Alejandro Iglesias Hana Disch Patrizio Orlando Vaccini e medicinali Raffreddore da fieno Le tre fasi della felicità Sette consigli per essere più felici Bambini in lock down Dipendenza da Internet I sintomi dell’infarto nella donna Decisioni Rapporto dall'ospedale Consigli per decidere Donare un rene Una vita di decisioni Trasferirsi in Sud America Geocaching Essere attivi Attivi durante la gravidanza Come ci si comporta con lo sport e il movimento nella gravidanza? Ginnastica pre e postparto In piedi in modo corretto Alimentazione sana Smoothie verdi Vitamin D Uova Il cioccolato un toccasana? Programma nutrizionale I grassi buoni Nutrire i muscoli Quanto zucchero al giorno? Quanto grasso si può consumare al giorno? Intolleranza al lattosio Alimentazione sana e telelavoro Low Carb Codici E e altri additivi nel cibo Individuo e alimentazione Un cuore sano Intervista a Christophe Wyss Sport per il cuore Gli effetti della psiche sul cuore Consigli per un cuore sano Ipertonia: come misurare la pressione Ipertensione: informazioni sulla pressione alta Denti sani Aiuto in caso di gengive infiammate Il dentista spiega 5 consigli per una corretta igiene orale Cambiare abitudini Senza un obiettivo i gadget non servono a nulla Ricordati questa sensazione! Cambiare abitudini in 10 passi La pazienza premia Fitnessmotivation Coaching per la corsa ABC della corsa Corsa a Sarnen Fattori della forma fisica Piano settimanale Scarpe da corsa Ginnastica di potenza Alimentazione per la corsa Sport compensativi Riscaldamento Stretching Abbigliamento funzionale Fitness tracker Acquisti - Abbigliamento per allenarsi Corsa per le donne Metodo Jacobson Rigenerazione Retrospettiva coaching per la corsa Lo sport postparto Ginnastica postparto Spalle sciolte Allenamento Kanga Workout durante la passeggiata I consigli degli esperti Stress e rilassamento Muovere l’aria Mit Yoga gegen Stress Cosa è lo stress Rilassarsi meglio Affrontare lo stress Cos’è il burnout? «Il primo passo è prendere le distanze» Causare stress Ridurre lo stress Stressor Le più belle saune della Svizzera Sentirsi meglio sudando Rilassarsi respirando Corretta rigenerazione: falsi miti Come la consapevolezza riduce lo stress Il sonno Tendenze sportive Boxe Slackline Bouldering Ginnastica miofasciale Stand Up Paddling Con efficienza al limite Swing e Lindy Hop Danza al palo Escursionismo Mal di montagna Sette percorsi a prova di carrozzina Cercasi: carrozzina da fuoristrada Accidenti, si è staccata la suola! Escursioni col bebè: tutto quello che c’è da sapere Laghi di montagna Desiderio di maternità: Fertilità e sport 10 000 passi al giorno Scale Pump track Bambini con una schiena sana Exercizi per la schiena Stare seduti in modo corretto al posto di lavoro Giocare nel bosco Giocare per crescere Promozione del movimento Pantofolai Motivazione Svizzera: un paradiso per le slitte ABC curling Con l’aquilone nella neve Escursioni con le racchette da neve Prevenire le cadute Pattinaggio in linea Nuotare Il nuoto Ali per la vita Stretching Consigli per tour in bici Esercizi di stretching per andare in bici koerper-und-kaelte Denti sani grazie a cura e profilassi La forza sta nella volontà Consigli pratici per denti sani Allenamento a casa Miti sui denti Coronavirus: 10 consigli contro la paura e l’ansia Cura delle mani Come si rigenera il nostro corpo Addominali forti in cinque minuti Restare in forma durante le vacanze Aiuti per il nuoto Allenarsi efficientemente: quanto sport a settimana? Raccogliere funghi, ma in modo giusto Vorsorgeuntersuchungen Dehnübungen in fünf Minuten Gehirntraining Rückenschmerzen Licht Yogastile Ayurveda-Morgenroutine Consigli per lo sport all’aperto d’inverno Sci di fondo per principianti Rimedi casalinghi contro la forfora Rimedi fai da te Rimedi casalinghi contro la cistite Rimedi contro il mal di gola Rimedi contro l’emicrania Rimedi contro l’eccessiva sudorazione Rimedi contro l’allergia solare Piedi sani, schiena sana Mountain bike: esercizi efficienti Check dei sintomi Lo sport post COVID-19 HIIT: un allenamento efficace Dolori muscolari: tra mito e realtà Analisi dei miti sulla balneazione I sì e i no dell’allenamento in giovane età Video di allenamenti Allenamento full body Protezione solare Mentalmente forti Forza mentale Psicosomatica Cosa rende forte la psiche Consigli contro il calo di umore Igiene del sonno e psiche Resilienza Depressioni Attacchi di panico Convivere oggi Vita digitale Gli idoli dei giovani Influencer Influencer in tematiche legate a salute e sanità Dipendenza dalla rete Tentazione digitale I bambini e i media digitali Tensioni da smartphone Responsabilità digitale e solidarietà Il cervello ama le abitudini Cambiare abitudini? Ahahah! Kaizen Desiderio di maternità: Quando un figlio non arriva Desiderio di maternità: Rimanere incinta: i fatti Diagnosi: bimbo in casa Diventare genitori Studio sulla solidarietà I nuovi arrivati Vivere insieme domani Nomadi digitali Casa multigenerazionale «Giesserei» Il regista cieco Coinquilini cercansi Lavorare in movimento Lo studio medico del futuro La nostra pelle, strato per strato Una conversazione tra quattro generazioni Hausarzt und Corona Rientro sicuro in ufficio Crisi coronavirus: insieme, cantando Crisi coronavirus: Il lavoro nel reparto di terapia intensiva Lavorare in una casa di cura Rigenerazione: imparare dai bambini Crisi coronavirus: aiuto per i più deboli Secondo parere Rapporto di coppia e figli Tre domande che ci rubano il sonno Outing Lo scopo delle menzogne Vorsorge Trovare informazioni sulla salute in rete Impfstoffe entwickeln Organizzare il proprio tempo libero Long Covid evitare lo stress nel tempo libero Youtuber Aditotoro sulla pandemia Minimalista e felice Più tempo in famiglia Ritorno alla vita dopo l’incidente in parapendio Sgomberare: la risposta al caos Sviluppare il domani App nel test Aqualert CRS per donare sangue Codecheck Forest Freedom Freeletics Moment I tre omini del sonno PeakFinder Findery Sei app messe alla prova La storia del cuore artificiale Uso di Internet Independent Living Pantalone high tech Protesi L’ospedale del futuro Nuova pelle per le vittime di ustioni Psicoterapie online Lo sviluppo di nuovi medicinali I generici hanno lo stesso effetto? Visione del futuro: come vivremo fra 30 anni Speranza per i paraplegici Newsletter Sanitas

Famiglie in lock down: che noia!

Che noia! Come mai una dose ben calibrata di desolazione può fare più bene che male ai bambini.

Intervista: Helwi Braunmiller; foto: iStock

Gli psicologi Susanne Walitza e Simon Grunauer spiegano cos'è la noia e come mai nel complesso è uno stato positivo.

Cosa scatena esattamente la noia?

Simon Grunauer: La noia è un fenomeno complesso. La scienza non è d’accordo su una definizione univoca. Oltre a questo non è neanche del tutto chiaro come mai noi esseri umani ci annoiamo. In genere la noia viene descritta come uno stato emotivo non piacevole, scatenato da monotonia e scarsità di stimoli. Si suppone anche che un alto livello di attenzione e concentrazione prolungate e un basso livello di motivazione siano fattori che favoriscono la noia.

Alcuni genitori si trovano a pensare: o mio figlio si lamenta in maniera spropositata di essere annoiato oppure si annoia molto più in fretta degli altri. Ci sono davvero delle differenze?

Simon Grunauer: Sì, i bambini hanno livelli diversi di attività: alcuni hanno bisogno di molte attività diverse e cambiano molto spesso e molto velocemente. Per questo tipo di bambini la noia può arrivare velocemente anche se praticano attività che in genere sono considerate stimolanti. Altri bambini invece rimangono più a lungo, a volte per ore, sulla stessa attività oppure lo stesso gioco. Anche alcune caratteristiche della personalità, come ad esempio introversione o estroversione hanno conseguenze differenti su come viene vissuta la noia.

La noia è anche una questione di età?

Simon Grunauer: Sì e no. Anche i bambini molto piccoli si annoiano, solo che spesso non sanno categorizzare la sensazione e darle un nome, quindi reagiscono semplicemente non mostrando più interesse, lamentandosi o addirittura piangendo.

Fino all’età dell’adolescenza la noia continua a presentarsi: in quale misura è molto individuale.

Fino all’età dell’adolescenza la noia continua a presentarsi: in quale misura è molto individuale e dipende da quanto hanno in programma i bambini e gli adolescenti. Nella seconda parte dell’età adolescenziale la noia tende a diminuire perché i giovani sono molto sotto pressione a causa dello studio e perché, come è d’uso nelle nostre culture occidentali, vengono distratti dalle offerte di tempo libero e dalle abitudini di consumo. Nell’età adulta la noia non appare quasi più, o meglio, non le è più consentito presentarsi: o perché potrebbe essere presa per pigrizia oppure perché sarebbe occasione di stare con se stessi.

La noia è un segno di trascuratezza da parte dei genitori? Può addirittura danneggiare il bambino?

Simon Grunauer: Se i bambini crescono in condizioni in cui vengono trascurati fisicamente o psichicamente, la noia può danneggiare. In caso contrario no: in un ambiente sano la noia non è dannosa per i bambini, a meno che non siano estremamente sottostimolati per un periodo prolungato. Questo potrebbe impedire ai bambini di sviluppare il loro potenziale.

Qual è la reazione migliore per un genitore quando un bambino si lamenta di essere annoiato?

Simon Grunauer: In primo luogo accettare la sensazione del bambino per quella che è, per esempio parafrasandola come: «Ah, quindi non hai idea di che cosa vorresti fare in questo momento?» Poi i genitori possono riflettere con il bambino se sono presenti altre sensazioni, come per esempio: «Potrebbe essere che ti arrabbi perché non sai che cosa fare?» I genitori potrebbero mettere in evidenza il lato positivo della noia dicendo: «Sembra che in questo momento la noia sia difficile da sopportare per te. Ma la noia crea anche spazio per nuove idee!»

I genitori dovrebbero indirizzare il bambino in modo che sia lui stesso ad arrivare a nuove idee.

Infine possono arrivare insieme al bambino a definire come potrebbe affrontare la noia. La cosa migliore da fare è evitare di elencare semplicemente i cento giochi che il bambino ha in cameretta. I genitori dovrebbero invece indirizzare il bambino in modo che sia lui stesso ad arrivare a nuove idee.

Susanne Walitza: Non si tratta di abbandonare i bambini a se stessi ma di scoprire, oltre ad attività da fare insieme, anche il valore della noia.

Molte persone però non prendono molto sul serio questo valore, ma cercano soprattutto di mantenere i bambini costantemente «divertiti». Ha senso oppure può essere anche controproducente?

Susanne Walitza: Per questa domanda non c’è una risposta che vada sempre bene. Ogni famiglia deve trovare il proprio equilibrio, che tenga conto in maniera omogenea delle necessità dei genitori e di quelle dei figli. Ciò che può essere giusto per una famiglia, può non andare bene per un’altra. Ma i bambini non hanno bisogno di divertimento 24 ore su 24. Hanno bisogno di fasi senza animazione, tempo libero e anche noia.

Ci appelliamo ai genitori: fidatevi delle vostre intuizioni! In genere i genitori si rendono conto di quando è necessario avere stimoli all’autoaiuto, quando è necessario introdurre attività congiunte e quando invece il bambino deve imparare a gestire la propria noia. Dipende dall’età del bambino, dalla sua fase di sviluppo, dalla sua personalità.

Come mai i bambini possono imparare molto dalla gestione della noia?

Simon Grunauer: Prima di tutto la noia è un buon campo di addestramento per confrontarsi con i propri pensieri e necessità e per imparare a formularle. E questo può essere di aiuto e addirittura salutare anche per gli adolescenti e per gli adulti.

Se ogni volta che si presenta una sensazione di noia cerchiamo di distrarre il bambino con attività, queste distrazioni diventano ovvie.

Susanne Walitza: Perché la noia, infatti, non è una perdita di tempo. Soprattutto un bambino può apprendere dal superamento della propria noia: a capire qualcosa di se stesso e a sviluppare idee di occupazione. Si confronta con la sensazione della noia, è costretto a imparare a riempire il vuoto che si è venuto a creare e in questo modo impara anche il valore dell’occupazione e degli stimoli. Se ogni volta che si presenta una sensazione di noia cerchiamo di distrarre il bambino con delle attività, queste distrazioni diventano ovvie. Invece attraverso fasi di noia il bambino può sviluppare interesse a temi, attività ecc., trovare un senso nelle attività in genere difficili da categorizzare.

Inoltre la noia è un segnale di rilassamento e tranquillità e può quindi anche essere un buon segno. Si presenta solo quando i bambini sono meno sotto stress e hanno meno appuntamenti, ad esempio il fine settimana.

Si è anche potuto osservare che il cervello ha una maggior potenzialità in fasi di noia.

E ci sono svariati studi medici e psicologici che provano attività del cervello durante la fase di noia. Quindi il cervello lavora anche nei momenti in cui non viene stimolato quasi per niente. Si è anche potuto osservare che il cervello ha una maggior potenzialità nei periodi di noia.

Quindi i bambini con il tempo possono imparare a uscire autonomamente da situazioni di noia?

Susanne Walitza: I bambini che conoscono la sensazione di noia si ricordano anche come hanno utilizzato situazioni precedenti di tempo dilatato. E hanno sviluppato la fiducia ad utilizzare questi momenti lunghi. I bambini che hanno poca esperienza su come affrontare la noia devono prima apprenderlo. Ma se noi come genitori contrastiamo con ovvietà la noia, le attribuiamo un valore e dimostriamo al bambino fiducia nel fatto che riesca ad affrontare la situazione di noia, i bambini saranno in grado di sviluppare questa fiducia in se stessi.

Ma il genitore può fare qualcosa e semplicemente mettere il bambino davanti alla televisione quando si annoia?

Simon Grunauer: Sì, quando la trasmissione, o il gioco o il video YouTube è appropriato per la sua età e non dura troppo. In genere però i bambini si divertono di più quando possono guardare un film oppure giocare a un videogioco insieme ai genitori. E allo stesso tempo i genitori possono apprendere di più sulle competenze mediatiche dei loro figli. Invece di un consumo passivo dei media digitali, un utilizzo attivo e creativo ha molto più senso. Per esempio i bambini possono fare una videochiamata con i nonni, la madrina o il padrino o con gli amici. Possono imparare a girare filmati e a sonorizzarli con semplici programmi. Ci sono anche diverse app interessanti per comporre musica autonomamente o creare un fumetto.