Dossier: Giovani adulti

Qual è il metodo contraccettivo giusto per me?

Oggi i giovani vogliono che i contraccettivi siano sicuri e possibilmente naturali. Ma quanto è realistico questo desiderio e quali sono le possibilità?

Testo: Katharina Rilling; foto: Unsplash

La prima cotta, il primo bacio, la «prima volta»– le farfalle nello stomaco e molte nuove esperienze rendono il diventare adulti così eccitante. Ma in questa fase della vita è importante anche riflettere sul metodo contraccettivo giusto. Allora qual è il miglior metodo contraccettivo sul mercato oggi? «Questo può essere diverso da donna a donna», spiega Irène Dingeldein, presidente della Società Svizzera di Ginecologia e Ostetricia. «L’importante è che il metodo sia sicuro, facile da usare, abbia pochi effetti collaterali e si adatti al proprio stile di vita».

Consultazione dal ginecologo: non solo per la donna

Per scoprire quale contraccettivo è quello adatto, è indispensabile consultare il proprio ginecologo. La maggior parte delle ragazze ha tra i 14 e i 17 anni quando va per la prima volta dal ginecologo. «La causa sono spesso dolori mestruali o il primo ragazzo» spiega Dingeldein. «Durante la consultazione parliamo dello stile di vita della giovane donna, se fuma o prende dei medicinali. E mi informo se nella sua famiglia ci sono stati casi di trombosi, embolia polmonare, infarto, ipertensione arteriosa o cancro»– - a seconda della sua risposta consiglio il metodo contraccettivo adatto.

«A proposito, mi fa piacere quando una madre accompagna la propria figlia e la sostiene», dice Dingeldein. «E naturalmente il ragazzo, perché il tema della contraccezione lo riguarda altrettanto.» Durante questa prima consultazione nessuno deve per forza farsi esaminare. Eccetto coloro che optano per una spirale: «Questa viene inserita nell’utero. Ecco perché prima esamino la donna e le mostro come funziona il tutto».

Contraccezione naturale

Al momento la ginecologa osserva una tendenza verso contraccettivi naturali: «Molti giovani adulti sono interessati alla spirale contraccettiva al rame. Preferiscono non assumere ormoni per non danneggiare il loro corpo o l’ambiente», afferma la nostra esperta. Ruth Drahts dello studio ginecologico Buchenhof a Sursee ha constatato la stessa tendenza: «Sempre più giovani donne mi dicono che non vogliono prendere ormoni. Ma quando poi le informo su tutti i vantaggi e gli svantaggi, spesso alla fine decidono di prendere comunque la pillola. Nella maggior parte dei casi è la soluzione migliore, almeno come primo contraccettivo», dice. L'importante è rendersi conto che: «La soluzione contraccettiva completamente naturale e sicura – non esiste. Ha sempre un impatto sul corpo e sulla natura». 

Ruth Drahts sottolinea che non ci sono poi così tante possibilità diverse. O si inibisce la maturazione dell’ovocita e quindi l’ovulazione,– una soluzione molto affidabile ma che ha effetti sul corpo della donna. Oppure si impedisce la gravidanza meccanicamente o chimicamente, ad esempio utilizzando la spirale al rame – ma anche questo sistema non è privo di effetti collaterali e rischi.

Quanto sono affidabili il monitoraggio del ciclo, la misurazione della temperatura basale ecc.?

La ginecologa non raccomanda alle giovani donne di affidarsi esclusivamente a metodi di osservazione del ciclo, come la misurazione della temperatura basale o le app che calcolano l’ovulazione. «Questi metodi hanno lo scopo di determinare i giorni fertili. Sono poco affidabili e richiedono molta disciplina. Così, le donne sono costrette ad astenersi da avere rapporti o a usare comunque il preservativo nei giorni fertili, quando il loro desiderio è al massimo. Non si tratta quindi di un vero metodo contraccettivo.»

Anche le altre opzioni non cambieranno presto: «Si stanno facendo ricerche su preparati che contengono ancora meno ormoni o altre forme della spirale. Metodi davvero nuovi, che, per esempio, coinvolgono di più gli uomini non sono ancora previsti», aggiunge Ruth Drahts. «Ma chi si prende del tempo, troverà un contraccettivo efficace e sicuro che faccia al caso suo.»

 

Le tre opzioni per la contraccezione

1. Metodi contraccettivi ormonali combinati: pillola, cerotto e anello vaginale

Questi contraccettivi contengono una combinazione di estrogeni e progesterone. Si tratta di ormoni sintetici che inibiscono il ciclo della donna e hanno effetti collaterali desiderabili: riducono l’acne, le perdite di sangue abbondanti e i dolori mestruali. Anche le malattie benigne dell’utero (ad esempio i miomi) possono migliorare.

Tuttavia, aumenta leggermente il rischio di trombosi. I preparati non sono adatti per donne molto in sovrappeso, con una predisposizione familiare o una malattia precedente (ad es. trombosi, epilessia, diabete) e per le fumatrici. Inoltre, antibiotici, diarrea e vomito compromettono l’effetto della pillola. «Alcune donne ingrassano e hanno la sensazione che gli ormoni le cambino psicologicamente. Possono scatenare una depressione se c’è una predisposizione. D’altra parte, gli ormoni possono anche ridurre gli sbalzi d’umore», spiega Irène Dingeldein. 

La pillola combinata

La compressa giornaliera inibisce l’ovulazione e l’ispessimento dell’endometrio uterino; inoltre, addensa il muco della cervice in modo da impedire il passaggio degli spermatozoi. Secondo Irène Dingeldein «non c’è bisogno di aver paura di una trombosi. Ma la pillola è un medicinale, non una caramella.»

Affidabilità: molto elevata
Vantaggi: possibilità di posticipare o anticipare le mestruazioni
Svantaggi: assunzione quotidiana, rischio di trombosi leggermente aumentato

Il cerotto ormonale

Il cerotto ormonale viene applicato sulla pelle dei glutei, del ventre, del braccio o del tronco. Il cerotto viene cambiato ogni settimana e dopo tre settimane si fa una pausa di una settimana. Gli ormoni vengono assorbiti attraverso la pelle.

Affidabilità: elevata
Vantaggi: nessuna perdita di efficacia in caso di vomito o diarrea, possibilità di posticipare o anticipare le mestruazioni, nessuna assunzione giornaliera
Svantaggi: il cerotto può irritare la pelle, è visibile e può staccarsi, rischio di trombosi leggermente aumentato

L’anello vaginale

L’anello di plastica morbido con un diametro di cinque centimetri può essere inserito nella vagina, dove resta per tre settimane e rilascia ormoni. Se l’anello vaginale dovesse disturbare durante i rapporti sessuali, può essere rimosso per un massimo di tre ore.

Affidabilità: elevata
Vantaggi: nessuna perdita di efficacia in caso di vomito o diarrea, possibilità di anticipare o posticipare le mestruazioni, nessuna assunzione giornaliera
Svantaggi: possibile espulsione dell’anello e sensazione di corpo estraneo, rischio di trombosi leggermente aumentato

2. Contraccettivi senza estrogeni: minipillola, impianto ormonale, spirale ormonale, iniezione ormonale

Questi contraccettivi contengono solo l’ormone progesterone. Il loro vantaggio principale: non aumentano il rischio di trombosi. «Questi preparati stanno diventando sempre più popolari. L’assunzione a lungo termine spesso riduce significativamente o completamente il flusso mensile e i dolori legati al ciclo. Gli svantaggi possono essere impurità della pelle e irregolarità del ciclo», spiega Ruth Drahts. A differenza dei metodi combinati, la loro efficacia non viene compromessa da diarrea, vomito, farmaci, il fuso orario durante viaggi o gli errori di assunzione.

La pillola al progesterone

La pillola al progesterone è adatta alle donne che non possono o non vogliono prendere estrogeni. Come la pillola combinata, inibisce l’ovulazione. «La mucosa non si ispessisce, ma rimane sottile. Un effetto desiderato , se non si vuole rimanere incinta», afferma Irène Dingeldein.

Affidabilità: molto elevata
Vantaggi: utilizzo in caso di intolleranza agli estrogeni
Svantaggi: assunzione giornaliera, in parte irregolarità del ciclo

L’impianto ormonale

L’impianto ormonale è un bastoncino di plastica che il medico inserisce sotto la pelle del braccio e che può rimanere per un massimo di tre anni.

Affidabilità: molto elevata
Vantaggi: contraccezione a lungo termine, in caso di intolleranza agli estrogeni, nessuna perdita di efficacia in caso di vomito o diarrea, nessuna assunzione giornaliera di pillole
Svantaggi: piccolo intervento chirurgico effettuato dal ginecologo, irregolarità del ciclo

La spirale ormonale

Il ginecologo inserisce la spirale ormonale nell’utero, dove può rimanere da tre a cinque anni.

Affidabilità: molto elevata
Vantaggi: contraccezione a lungo termine, in caso di intolleranza agli estrogeni, agisce direttamente, nessuna perdita di efficacia in caso di vomito o diarrea
Svantaggi: inserimento da parte del ginecologo

L’iniezione ormonale

Effettuata dal ginecologo, l’iniezione ormonale protegge da una gravidanza per tre mesi.

Affidabilità: molto elevata
Vantaggi: utilizzo in caso di intolleranza agli estrogeni, nessuna perdita di efficacia in caso di vomito o diarrea
Svantaggi: iniezioni a intervalli regolari, ripristino della fertilità solo dopo diverse settimane o mesi  

3. Contraccettivi senza ormoni: rame, preservativo, diaframma, sterilizzazione

I metodi contraccettivi senza ormoni si basano sulla contraccezione meccanica o chimica.

IUD al rame

Il contraccettivo contenente rame viene inserito dal medico nell’utero, dove può rimanere fino a dieci anni (a seconda del modello). Il rame inibisce la mobilità degli spermatozoi e causa una reazione infiammatoria che impedisce l’impianto dell’ovulo fecondato. «Questo metodo sta andando molto di moda. Ma non me la sento di consigliarlo come primo contraccettivo per giovani donne», dice Ruth Drahts.

Affidabilità: molto elevata
Vantaggi: contraccezione a lungo termine, senza ormoni, agisce direttamente, nessuna perdita di efficacia in caso di vomito o diarrea
Svantaggi: inserimento da parte del ginecologo, può verificarsi un sanguinamento doloroso e copioso o infiammazioni pelviche

Preservativo

Il preservativo è costituito da una guaina sottilissima che viene indossata dall’uomo sul pene eretto per imperdire che il liquido seminale entri nel corpo della donna. Tuttavia, vi è il rischio di errori di applicazione. «Consiglio alle giovani donne di usare sempre il preservativo in aggiunta ad altri metodi contraccettivi, poiché protegge dalle malattie sessualmente trasmissibili», spiega Irène Dingeldein.

Affidabilità: media
Vantaggi: protezione contro le malattie veneree, applicazione solo in caso di necessità, senza ormoni, quasi nessun effetto collaterale
Svantaggi: può causare reazioni allergiche, deve essere indossato immediatamente prima del rapporto sessuale, si può rompere

Diaframma & co. (= preservativo femminile)

Le donne possono inserire il diaframma nella propria vagina, dove impedisce agli spermatozoi di penentrare nell’utero. Tuttavia, protegge solo se è della giusta misura e si adatta perfettamente. Per una migliore protezione può essere combinato con una crema spermicida.

Affidabilità: media
Vantaggi: senza lattice, senza ormoni
Svantaggi: gestione complicata

Contraccettivi chimici

Contengono sostanze che uccidono gli spermatozoi. Sono disponibili sotto forma di creme, gel, supposte vaginali, pellicole vaginali e schiuma. Non sono molto sicuri e dovrebbero essere usati solo in combinazione con contraccettivi meccanici come preservativi o diaframmi.

Sterilizzazione / vasectomia

Questo metodo è adatto solo a persone che sono assolutamente sicure di non voler avere (più) figli, poiché una volta presa la decisione non si può tornare indietro. L’operazione può essere eseguita sulla donna o sull’uomo.