Condividere momenti Giovani adulti Ciao mamma, vado a vivere da solo! Appartamento condiviso o per conto proprio? Un semestre all’estero Soggiorno linguistico o alla pari Entrate in servizio ben preparati Grassrooted Tutto sul tema Viaggi Immagine Contraccettivi Alimentazione vegana Desiderio di maternità Monitorizzare la fertilità Il momento giusto Il contributo dell’uomo Fertilità e alimentazione Il controllo medico Fatti importanti sull’ovulazione Consigli se non funziona Tre rilevatori della fertilità e del ciclo a confronto La coppia e il desiderio di avere un figlio Gravidanza Esami durante la gravidanza Come mi alimento in modo corretto? La mia gravidanza prosegue normalmente? Consigli per la quotidianità A cosa devo prestare attenzione durante i viaggi? La mia gravidanza prosegue normalmente? Cosa occorre per il bebè? Dove e come voglio partorire? Cosa devo mettere in valigia per il parto, cosa preparo? Come trasformo l’appartamento a misura di bambino? La mia gravidanza prosegue normalmente? Come mi preparo in modo ottimale al bambino? Come mi preparo in modo ottimale al parto? Apporto energetico Rapporto genitore figlio Preparazione all’allattamento Assicurazione Smagliature Dormire Rottura delle acque Baby blues Gravidanza a rischio Contrazioni preliminari Formalità Nausea Camera familiare Il nostro bebè Il bagnetto del bebè L’udito dei bebè La farmacia per il bebè Cura del bebè Mio figlio si sta sviluppando normalmente? Lo sviluppo di un bebè mese per mese Mio figlio si sta sviluppando normalmente? Lo sviluppo di un bebè mese per mese Cura del bebè Allattamento Festeggiare e godersi la vita Natale e Capodanno diversi dal solito Il piacere da un punto di vista filosofico Il piacere c’è anche nella mensa dei poveri a Zurigo Consigli per meno stress e più serenità durante le feste Natale: una festa con qualche insidia Intervista con René Rindlisbacher Vivere meglio con un’insufficienza cardiaca Alejandro Iglesias Hana Disch Patrizio Orlando Paese che vai… batteri che trovi Raffreddore da fieno Aiuto quotidiano Le tre fasi della felicità Sette consigli per essere più felici Bambini in lock down Dipendenza da Internet Essere attivi Attivi durante la gravidanza Come ci si comporta con lo sport e il movimento nella gravidanza? Ginnastica pre e postparto In piedi in modo corretto Alimentazione sana Smoothie verdi Vitamin D Uova Il cioccolato un toccasana? Programma nutrizionale I grassi buoni Nutrire i muscoli Quanto zucchero al giorno? Quanto grasso si può consumare al giorno? Intolleranza al lattosio Alimentazione sana e telelavoro Low Carb Un cuore sano Intervista a Christophe Wyss Sport per il cuore Gli effetti della psiche sul cuore Consigli per un cuore sano Ipertonia: come misurare la pressione Ipertensione: informazioni sulla pressione alta Denti sani Aiuto in caso di gengive infiammate Cambiare abitudini Sportgadgets: Psychologie Ricordati questa sensazione! Cambiare abitudini in 10 passi La pazienza premia Coaching per la corsa ABC della corsa Corsa a Sarnen Fattori della forma fisica Piano settimanale Scarpe da corsa Ginnastica di potenza Alimentazione per la corsa Sport compensativi Riscaldamento Stretching Abbigliamento funzionale Fitness tracker Acquisti - Abbigliamento per allenarsi Corsa per le donne Metodo Jacobson Rigenerazione Retrospettiva coaching per la corsa Allenamento per la corsa La prima mezza maratona Frequenza cardiaca La corsa Zecche Lo sport postparto Ginnastica postparto Spalle sciolte Allenamento Kanga Workout durante la passeggiata I consigli degli esperti Stress e rilassamento Muovere l’aria Mit Yoga gegen Stress Cosa è lo stress Rilassarsi meglio Affrontare lo stress Cos’è il burnout? «Il primo passo è prendere le distanze» Causare stress Ridurre lo stress Stressor Le più belle saune della Svizzera Sentirsi meglio sudando Rilassarsi respirando Corretta rigenerazione: falsi miti Come la consapevolezza riduce lo stress Il sonno Tendenze sportive Boxe Slackline Bouldering Ginnastica miofasciale Stand Up Paddling Con efficienza al limite Swing e Lindy Hop Danza al palo Escursionismo Mal di montagna Sette percorsi a prova di carrozzina Cercasi: carrozzina da fuoristrada Accidenti, si è staccata la suola! Escursioni col bebè: tutto quello che c’è da sapere Laghi di montagna Desiderio di maternità: Fertilità e sport 10 000 passi al giorno Scale Pump track La schiena Bambini con una schiena sana Exercizi per la schiena Stare seduti in modo corretto al posto di lavoro Giocare nel bosco Giocare per crescere Promozione del movimento Pantofolai Motivazione Svizzera: un paradiso per le slitte ABC curling Con l’aquilone nella neve Escursioni con le racchette da neve Prevenire le cadute Pattinaggio in linea Nuotare Il nuoto Ali per la vita Stretching Consigli per tour in bici Esercizi di stretching per andare in bici koerper-und-kaelte Denti sani grazie a cura e profilassi La forza sta nella volontà Consigli pratici per denti sani Allenamento a casa Miti sui denti Coronavirus: 10 consigli contro la paura e l’ansia Cura delle mani Come si rigenera il nostro corpo Addominali forti in cinque minuti Restare in forma durante le vacanze Aiuti per il nuoto Allenarsi efficientemente: quanto sport a settimana? Raccogliere funghi, ma in modo giusto Convivere oggi Vita digitale Gli idoli dei giovani Influencer Influencer in tematiche legate a salute e sanità Dipendenza dalla rete Tentazione digitale I bambini e i media digitali Tensioni da smartphone Il cervello ama le abitudini Cambiare abitudini? Ahahah! Kaizen Desiderio di maternità: Quando un figlio non arriva Desiderio di maternità: Rimanere incinta: i fatti Diagnosi: bimbo in casa Diventare genitori Studio sulla solidarietà I nuovi arrivati Vivere insieme domani Nomadi digitali Casa multigenerazionale «Giesserei» Il regista cieco Coinquilini cercansi Lavorare in movimento Lo studio medico del futuro La nostra pelle, strato per strato Una conversazione tra quattro generazioni Hausarzt und Corona Rientro sicuro in ufficio Crisi coronavirus: insieme, cantando Crisi coronavirus: Il lavoro nel reparto di terapia intensiva Lavorare in una casa di cura Rigenerazione: imparare dai bambini Crisi coronavirus: aiuto per i più deboli Secondo parere Rapporto di coppia e figli Tre domande che ci rubano il sonno Outing Lo scopo delle menzogne Vorsorge Trovare informazioni sulla salute in rete Sviluppare il domani App nel test Aqualert CRS per donare sangue Codecheck Forest Freedom Freeletics Moment I tre omini del sonno PeakFinder Findery Sei app messe alla prova La storia del cuore artificiale Uso di Internet Independent Living Pantalone high tech Protesi L’ospedale del futuro Nuova pelle per le vittime di ustioni Psicoterapie online Lo sviluppo di nuovi medicinali I generici hanno lo stesso effetto? Newsletter Sanitas
Dossier: Cambiare abitudini

«Il cervello ama le abitudini!»

Che cos’ha il nostro cervello contro il cambio di abitudini? L’uomo può decidere consciamente a riguardo? Gerhard Roth, rinomato filosofo e neurobiologo ha la risposta a queste domande.

Testo: Ruth Jahn

Quando è stata l’ultima volta che si è lasciato prendere dall’abitudine e che poi se n’è pentito?

Prof. Gerhard Roth: Ero immerso nei miei pensieri sulla via di casa, così non mi sono accorto di aver preso un’altra strada, che portava alla mia vecchia casa, nella quale ho vissuto per 20 anni.

Le routine fanno parte della nostra vita in modo determinante. Dal preparare il caffè alla mattina fino alla strada da compiere per andare al lavoro, dal lavarsi i denti fino a mettersi il pigiama. Ma perché?

Svolgiamo automaticamente più dell’80% delle nostre azioni. Il cervello adora trasformare ogni nostro comportamento in routine, perché pensare costa fatica. Le routine aiutano il nostro organo pensante a risparmiare energia e a minimizzare i rischi. Tutto questo ha un senso da un punto di vista neurobiologico ed è utile alla sopravvivenza. A volte però può essere dannoso, ad esempio nel caso delle cattive abitudini.

«[...] pensare costa fatica. Le routine aiutano il nostro organo pensante a risparmiare energia e a minimizzare i rischi.»

Perché è così difficile cambiare un’abitudine in noi radicata?

Prima della nascita e nei primi anni di vita il cervello è molto elastico. Al più tardi verso la fine della pubertà l’elasticità diminuisce considerevolmente. Il cervello pensa: ok, ho provato abbastanza! Le modifiche richiedono troppo dispendio. La nostra materia grigia premia le abitudini con il rilascio di sostanze oppioidi, e noi ne diventiamo dipendenti. Col passare del tempo diventa quindi sempre più faticoso cambiare abitudini.

Qual è il posto delle routine nel cervello?

Quando impariamo qualcosa per la prima volta, l’informazione viene salvata nella corteccia cerebrale. Dopo averla ripetuta varie volte, l’azione imparata diventa routine. Le informazioni passano quindi ai gangli della base ovvero in profondità, proprio alla base degli emisferi cerebrali. Qui vengono salvate come processi fissi e non possono essere più cancellate. Sostituire una vecchia abitudine con una nuova è dunque estremamente difficile.

«Qui vengono salvate come processi fissi e non possono essere più cancellate. Sostituire una vecchia abitudine con una nuova è dunque estremamente difficile.»

Quindi, quando tentiamo di cambiare un nostro comportamento, è come se il cervello ci mettesse i bastoni tra le ruote?

Esatto. il nostro cervello si ribella. È vero che si tratta di un apparato che può imparare e disimparare, ma, tra le due, la seconda azione risulta decisamente più difficile.

Non voglio lasciarmi spaventare: quali sono, se ci sono, i presupposti per disimparare un’abitudine?

Serve allenamento e motivazione. Come un violinista alle prime armi, che impara una sonata di Beethoven: all’inizio procede in modo incerto, ma già dopo otto settimane inizia a suonare in modo discreto. Solo dopo essersi esercitato continuamente e se è motivato, ovviamente.

Qual è il modo migliore per motivarsi?

In veste di neurobiologo posso dire che sono pochi i fattori che possono determinare un cambiamento nel nostro modo di fare. Oltre alla ripetizione serve un po’ di sofferenza, oppure la promessa di una ricompensa. In particolar modo ha un peso il fatto che un determinato comportamento venga associato a una persona alla quale siamo legati. L’ultima spinta verso un cambio di abitudini proviene dall’esterno!

Potrebbe fare un esempio?

Prendiamo il caso di una donna che desidera che suo marito la smetta di lasciare in giro la biancheria sporca. Avrà maggiori possibilità di riuscita se lo minaccia di fare le valigie e andarsene: la paura di una punizione è infatti un forte stimolo al cambiamento. Inoltre dovrebbe ricordare spesso al marito di non lasciare i calzini sporchi per terra, in modo che lui possa esercitarsi, ripetendo l’azione corretta. Per ogni minaccia di punizione dovrebbe però esserci anche una ricompensa in caso di riuscita.

Ma io riesco a motivarmi anche senza pressione psicologica!

Solo in parte: la promessa di una ricompensa deve infatti essere maggiore del beneficio che ricavo dal non riordinare la biancheria.

La nostra volontà non conta nulla quindi?

Da un punto di vista teorico non siamo propriamente esseri liberi. Nel caso delle abitudini infatti non ci chiediamo più se il nostro comportamento è in qualche modo dannoso o che conseguenze abbia: siamo abituati così. Ciò ci risparmia tantissime energie, poiché non dobbiamo ragionare su ogni nostra singola azione. Una certa stabilità nelle emozioni e nelle azioni rende più facile e leggera la nostra vita, anche perché in questo modo le nostre azioni possono essere previste e capite dalle persone che ci circondano.

Che influsso hanno i nuovi media sul nostro cervello? È vero che l’utilizzo del computer ci rende meno intelligenti?

Né la paura di un sovraccarico del cervello né quella di non sfruttarlo abbastanza hanno fondamento scientifico. Nella storia della nostra esistenza le nuove tecnologie hanno sempre destato preoccupazione all’inizio. Nel Medioevo i libri erano considerati dannosi per il popolo non scolarizzato. E i miei genitori, una volta, sono stati messi in guardia dall’uso della radio. Durante la mia giovinezza, la dipendenza dalla televisione era l’argomento del giorno. E oggigiorno lo sono i nuovi media.