Condividere momenti Giovani adulti Ciao mamma, vado a vivere da solo! Appartamento condiviso o per conto proprio? Un semestre all’estero Soggiorno linguistico o alla pari Entrate in servizio ben preparati Grassrooted Cosa mettere in valigia Immagine Contraccettivi Alimentazione vegana Ciao mamma, buongiorno coinquilino Tante mete, pochi soldi Finanzielle Vorsorge Desiderio di maternità Monitorizzare la fertilità Il momento giusto Il contributo dell’uomo Fertilità e alimentazione Il controllo medico Fatti importanti sull’ovulazione Consigli se non funziona Tre rilevatori della fertilità e del ciclo a confronto La coppia e il desiderio di avere un figlio Gravidanza Esami durante la gravidanza Come mi alimento in modo corretto? La mia gravidanza prosegue normalmente? Consigli per la quotidianità A cosa devo prestare attenzione durante i viaggi? La mia gravidanza prosegue normalmente? Cosa occorre per il bebè? Dove e come voglio partorire? Cosa devo mettere in valigia per il parto, cosa preparo? Come trasformo l’appartamento a misura di bambino? La mia gravidanza prosegue normalmente? Come mi preparo in modo ottimale al bambino? Come mi preparo in modo ottimale al parto? Apporto energetico Rapporto genitore figlio Preparazione all’allattamento Assicurazione Smagliature Dormire Rottura delle acque Baby blues Gravidanza a rischio Contrazioni preliminari Formalità Nausea Camera familiare Il nostro bebè Il bagnetto del bebè L’udito dei bebè La farmacia per il bebè Cura del bebè Mio figlio si sta sviluppando normalmente? Sviluppo del bebè: 1° e 2° mese Mio figlio si sta sviluppando normalmente? Sviluppo del bebè: 3° e 4° mese Cura del bebè Allattamento Quando si inizia con le pappe? Peso Scatti di crescita del bebè Giocattoli Protezione solare per bebè Zahnen Infortuni ai denti Il vostro bebè nel 5° e 6° mese Esercizi pratici per il pavimento pelvico Babyschlaf Festeggiare e godersi la vita Natale e Capodanno diversi dal solito Il piacere da un punto di vista filosofico Il piacere c’è anche nella mensa dei poveri a Zurigo Consigli per meno stress e più serenità durante le feste Natale: una festa con qualche insidia Intervista con René Rindlisbacher Vivere meglio con un’insufficienza cardiaca Alejandro Iglesias Hana Disch Patrizio Orlando Vaccini e medicinali Raffreddore da fieno Le tre fasi della felicità Sette consigli per essere più felici Bambini in lock down Dipendenza da Internet I sintomi dell’infarto nella donna Decisioni Rapporto dall'ospedale Consigli per decidere Donare un rene Una vita di decisioni Trasferirsi in Sud America Geocaching Essere attivi Attivi durante la gravidanza Come ci si comporta con lo sport e il movimento nella gravidanza? Ginnastica pre e postparto In piedi in modo corretto Alimentazione sana Smoothie verdi Vitamin D Uova Il cioccolato un toccasana? Programma nutrizionale I grassi buoni Nutrire i muscoli Quanto zucchero al giorno? Quanto grasso si può consumare al giorno? Intolleranza al lattosio Alimentazione sana e telelavoro Low Carb Codici E e altri additivi nel cibo Individuo e alimentazione Un cuore sano Intervista a Christophe Wyss Sport per il cuore Gli effetti della psiche sul cuore Consigli per un cuore sano Ipertonia: come misurare la pressione Ipertensione: informazioni sulla pressione alta Denti sani Aiuto in caso di gengive infiammate Il dentista spiega 5 consigli per una corretta igiene orale Cambiare abitudini Senza un obiettivo i gadget non servono a nulla Ricordati questa sensazione! Cambiare abitudini in 10 passi La pazienza premia Fitnessmotivation Coaching per la corsa ABC della corsa Corsa a Sarnen Fattori della forma fisica Piano settimanale Scarpe da corsa Ginnastica di potenza Alimentazione per la corsa Sport compensativi Riscaldamento Stretching Abbigliamento funzionale Fitness tracker Acquisti - Abbigliamento per allenarsi Corsa per le donne Metodo Jacobson Rigenerazione Retrospettiva coaching per la corsa Lo sport postparto Ginnastica postparto Spalle sciolte Allenamento Kanga Workout durante la passeggiata I consigli degli esperti Stress e rilassamento Muovere l’aria Mit Yoga gegen Stress Cosa è lo stress Rilassarsi meglio Affrontare lo stress Cos’è il burnout? «Il primo passo è prendere le distanze» Causare stress Ridurre lo stress Stressor Le più belle saune della Svizzera Sentirsi meglio sudando Rilassarsi respirando Corretta rigenerazione: falsi miti Come la consapevolezza riduce lo stress Il sonno Tendenze sportive Boxe Slackline Bouldering Ginnastica miofasciale Stand Up Paddling Con efficienza al limite Swing e Lindy Hop Danza al palo Escursionismo Mal di montagna Sette percorsi a prova di carrozzina Cercasi: carrozzina da fuoristrada Accidenti, si è staccata la suola! Escursioni col bebè: tutto quello che c’è da sapere Laghi di montagna Desiderio di maternità: Fertilità e sport 10 000 passi al giorno Scale Pump track Bambini con una schiena sana Exercizi per la schiena Stare seduti in modo corretto al posto di lavoro Giocare nel bosco Giocare per crescere Promozione del movimento Pantofolai Motivazione Svizzera: un paradiso per le slitte ABC curling Con l’aquilone nella neve Escursioni con le racchette da neve Prevenire le cadute Pattinaggio in linea Nuotare Il nuoto Ali per la vita Stretching Consigli per tour in bici Esercizi di stretching per andare in bici koerper-und-kaelte Denti sani grazie a cura e profilassi La forza sta nella volontà Consigli pratici per denti sani Allenamento a casa Miti sui denti Coronavirus: 10 consigli contro la paura e l’ansia Cura delle mani Come si rigenera il nostro corpo Addominali forti in cinque minuti Restare in forma durante le vacanze Aiuti per il nuoto Allenarsi efficientemente: quanto sport a settimana? Raccogliere funghi, ma in modo giusto Vorsorgeuntersuchungen Dehnübungen in fünf Minuten Gehirntraining Rückenschmerzen Licht Yogastile Ayurveda-Morgenroutine Consigli per lo sport all’aperto d’inverno Sci di fondo per principianti Rimedi casalinghi contro la forfora Rimedi fai da te Rimedi casalinghi contro la cistite Rimedi contro il mal di gola Rimedi contro l’emicrania Rimedi contro l’eccessiva sudorazione Rimedi contro l’allergia solare Piedi sani, schiena sana Mountain bike: esercizi efficienti Check dei sintomi Lo sport post COVID-19 HIIT: un allenamento efficace Dolori muscolari: tra mito e realtà Analisi dei miti sulla balneazione I sì e i no dell’allenamento in giovane età Video di allenamenti Allenamento full body Protezione solare Mentalmente forti Forza mentale Psicosomatica Cosa rende forte la psiche Consigli contro il calo di umore Igiene del sonno e psiche Resilienza Depressioni Attacchi di panico Convivere oggi Vita digitale Gli idoli dei giovani Influencer Influencer in tematiche legate a salute e sanità Dipendenza dalla rete Tentazione digitale I bambini e i media digitali Tensioni da smartphone Responsabilità digitale e solidarietà Il cervello ama le abitudini Cambiare abitudini? Ahahah! Kaizen Desiderio di maternità: Quando un figlio non arriva Desiderio di maternità: Rimanere incinta: i fatti Diagnosi: bimbo in casa Diventare genitori Studio sulla solidarietà I nuovi arrivati Vivere insieme domani Nomadi digitali Casa multigenerazionale «Giesserei» Il regista cieco Coinquilini cercansi Lavorare in movimento Lo studio medico del futuro La nostra pelle, strato per strato Una conversazione tra quattro generazioni Hausarzt und Corona Rientro sicuro in ufficio Crisi coronavirus: insieme, cantando Crisi coronavirus: Il lavoro nel reparto di terapia intensiva Lavorare in una casa di cura Rigenerazione: imparare dai bambini Crisi coronavirus: aiuto per i più deboli Secondo parere Rapporto di coppia e figli Tre domande che ci rubano il sonno Outing Lo scopo delle menzogne Vorsorge Trovare informazioni sulla salute in rete Impfstoffe entwickeln Organizzare il proprio tempo libero Long Covid evitare lo stress nel tempo libero Youtuber Aditotoro sulla pandemia Minimalista e felice Più tempo in famiglia Ritorno alla vita dopo l’incidente in parapendio Sgomberare: la risposta al caos Sviluppare il domani App nel test Aqualert CRS per donare sangue Codecheck Forest Freedom Freeletics Moment I tre omini del sonno PeakFinder Findery Sei app messe alla prova La storia del cuore artificiale Uso di Internet Independent Living Pantalone high tech Protesi L’ospedale del futuro Nuova pelle per le vittime di ustioni Psicoterapie online Lo sviluppo di nuovi medicinali I generici hanno lo stesso effetto? Visione del futuro: come vivremo fra 30 anni Speranza per i paraplegici Newsletter Sanitas

10 miti di balneazione: i fatti

Perché non si dovrebbe fare il bagno a stomaco pieno? Si possono prendere ustioni solari anche sott’acqua? Ed è pericoloso tuffarsi nell’acqua fredda? Un’analisi dei miti più comuni intorno al divertimento in acqua.

Testo: Katharina Rilling; foto: Sanitas

Prima o poi arriva l’estate. Quando inizia a fare caldo, non può di certo mancare un tuffo rinfrescante in acqua. Proprio come non può mancare una birra fresca in barca o le patatine fritte in piscina. Ma cosa bisogna osservare? È pericoloso tuffarsi in acqua da accalorati oppure fare il bagno subito dopo mangiato? E ci si ustiona anche sott’acqua – oppure no? 

1. Non si nuota a stomaco pieno.

Sì e no. «Questa è di certo una delle regole di balneazione più diffuse. Ma purtroppo anche una che non è del tutto esatta», spiega Philipp Binaghi della Società Svizzera di Salvataggio (SSS). «Ecco perché anni fa l’abbiamo adeguata. Teniamo a sottolineare che non si dovrebbe andare a nuotare completamente a stomaco pieno o vuoto. Chi ha appena mangiato non parte subito per una maratona e a nessuno salterebbe in mente di scalare una montagna di 3000 metri senza aver fatto colazione.» È importante trovare una via di mezzo: «Dopo un pasto abbondante ci si sente fiacchi perché il fisico usa l’energia per la digestione. Diminuisce la circolazione del sangue nel cervello e il nuotatore potrebbe sentire un senso di nausea o giramento di testa. Nel peggiore dei casi perde i sensi in acqua e affoga silenziosamente.»Allo stesso tempo si dovrebbe evitare di andare a nuotare a digiuno perché si potrebbe verificare un’ipoglicemia o un attacco di fame. 

2. Solo chi non sa nuotare o non nuota bene può annegare.

Sbagliato! «Anche il fisico perfettamente allenato può avvertire sensi di debolezza o crampi», avverte Binaghi. Ecco perché non si dovrebbe mai nuotare da soli a lunga distanza. È inoltre importante sapersi valutare correttamente: «Sono in forma? Quello che sto per fare è sicuro e mi farà bene? Corrisponde alle mie capacità? Chi conosce il proprio corpo è un buon nuotatore e si divertirà in acqua», afferma convinto l’esperto della SSS.I nuotatori dovrebbero altresì evitare di bere birra, vino frizzante o altre bevande alcoliche, perché chi beve alcol o assume droghe spesso si sopravvaluta. «È anche problematico perché l’alcol dilata i vasi sanguigni.

Nuotando, il sangue si raffredda rapidamente e con la circolazione si sposta da braccia e gambe verso il centro del corpo. Questo fa aumentare il rischio di un collasso.»

3. Dopo un tuffo in acqua fredda si rischia un infarto.

Succede di rado. «Questo rischio si corre se ci si tuffa direttamente in acqua da accalorati. Ma questo accade davvero molto raramente», spiega il portavoce della Società Svizzera di Salvataggio. «Poiché le arterie si restringono bruscamente, il sangue non riesce più a circolare bene. Nel peggiore dei casi può verificarsi uno shock ipotermico con conseguente svenimento o persino infarto.» Straordinariamente, questo succede maggiormente alle persone giovani la cui circolazione è più agile di quella delle persone più anziane.

Una cosa è certa: i grandi sbalzi di temperatura sono semplicemente stressanti per il corpo che può reagire con crampi muscolari e problemi circolatori. Ecco perché si dovrebbe fare una doccia fredda prima di andare a nuotare o, per lo meno, entrare in acqua lentamente e immergere in maniera alternante le braccia in acqua bagnando volto e torace. 

4. Sott’acqua si è protetti dalle ustioni solari.

Sbagliato. Al contrario: sotto la superficie dell’acqua si rafforzano persino i raggi UV. Secondo la rivista scientifica Quarks, il 40 percento dei raggi UV penetra fino a una profondità di mezzo metro. Ecco perché bisogna usare una protezione solare anche quando si fa il bagno!

5. Quando le labbra diventano blu bisogna subito uscire dall’acqua.

Vero. «Non si dovrebbe aspettare finché diventano blu le labbra. Questo è di norma un segnale di ipotermia», spiega Philipp Binaghi. «Non fa bene al corpo, né in acqua né fuori dall’acqua.» I nuotatori dovrebbero asciugarsi bene e riscaldarsi. 

Importante: soprattutto i bambini si raffreddano rapidamente e quando sono in acqua perdono spesso il senso del tempo e del freddo. Al più tardi quando iniziano a tremare è giunta l’ora di uscire dall’acqua e fare una pausa più lunga.

6. Da bordo piscina o da riva si vede chi sta annegando.

Sbagliato. «Hollywood trasmette spesso e volentieri l’immagine dell’annegamento accompagnato da urla e schiamazzi. Ma non è così: l’annegamento è una morte silenziosa», dice la SSS. Nella maggior parte dei casi le persone che stanno annegando non sono in grado di chiamare aiuto: siccome la bocca si trova sotto la superficie dell’acqua e riemerge solo brevemente, il tempo è troppo poco per espirare, inspirare e chiamare aiuto. Infatti, il sistema respiratorio si concentra automaticamente sulla respirazione prima di attivare la parola.

Non è neanche possibile agitare le braccia poiché sono istintivamente stese di lato per premere dall’alto verso la superficie. Questa funzione di protezione serve a tenere a galla il corpo. Chi sta annegando non è quindi in grado di controllare consapevolmente le braccia. Binaghi sottolinea: «Mentre si affoga il corpo assume una posizione eretta in acqua. Normalmente chi sta annegando riesce a tenersi a galla tra i 20 e i 60 secondi prima di affondare. Vale a dire che rimane poco tempo per il salvataggio.»

Ma, ovviamente, anche una persona che agita le braccia chiamando aiuto può trovarsi in difficoltà. «Diversamente dall’annegamento vero e proprio, queste persone sono in grado di contribuire al proprio salvataggio e, in una situazione di emergenza, aggrapparsi a salvagenti o ancore di salvezza.»

7. E poi al mare è sempre più pericoloso.

Sbagliato! «Il pericolo dipende sostanzialmente dalla persona e dal suo atteggiamento in o vicino all’acqua. Vi sono fattori ambientali, tra cui anche il tipo di acque, che possono influire sul potenziale di rischio. Ma in definitiva, è la persona stessa ad essere responsabile della propria gestione del rischio», tiene a sottolineare l’esperto di salvataggio. Significa che in tutte le acque si celano dei rischi. Il rischio effettivo dipende da come si gestiscono.

Peraltro, in Svizzera la maggior parte delle persone annega nel lago (2019: 24), seguito a ruota dal fiume (2019: 23). In piscina il numero di annegamenti è relativamente basso (2019:1).

8. Il costume bagnato favorisce l’infiammazione della vescica.

Vero. Proprio in estate i batteri hanno il gioco facile: chi tiene addosso il costume bagnato per troppo tempo o rimane seduto a lungo sul bordo freddo della piscina può contrarre un’infiammazione della vescica. Quando il basso ventre si raffredda, si restringono i vasi sanguigni e si riduce la circolazione delle mucosi. Questo favorisce le infezioni. Ecco perché si dovrebbero indossare indumenti asciutti una volta usciti dall’acqua. 

9. Chi ingerisce l’acqua della piscina prende la diarrea. 

Sì e no. Ieri in piscina e oggi a letto con la diarrea? Benché le sostanze chimiche come il cloro e gli impianti di filtraggio tengano a bada germi e batteri e la qualità dell’acqua venga strettamente sorvegliata, vi è comunque il rischio di infezione. Può pertanto capitare che i bagnanti avvertano disturbi allo stomaco o contraggano un’infiammazione alle orecchie o agli occhi. Il rischio è maggiore soprattutto se l’acqua è calda e poco profonda come a riva o in una piscinetta. Ecco perché bisognerebbe evitare di far ingerire acqua soprattutto ai bambini e ai neonati 

10. Le donne incinte non dovrebbero andare a nuotare.

Sbagliato. Nuotare in gravidanza è rinfrescante, mantiene in forma ed è uno sport dolce. È pertanto molto raccomandato alle donne incinte, soprattutto negli ultimi mesi della gravidanza, quando il peso aumenta e si è più limitati nei movimenti. L’importante è non sovraffaticarsi. Per motivi d’igiene dovrebbero tuttavia rinunciare al bagno rilassante nella Jacuzzi, poiché qui l’acqua viene cambiata molto di rado. A causa della flora vaginale sensibile, le donne incinte reagiscono infatti spesso con infezioni all’intimo.