MED_SEN_schwangerschaft_006-16-Schwanger-am-Fenster-070-K1.jpg

L'arrivo del bambino

Manca poco al momento in cui stringerete fra le braccia il vostro bambino! L’arrivo a casa con il vostro bebè è qualcosa di molto speciale. Affinché possiate dedicarvi indisturbati al vostro piccolo, è necessaria una buona preparazione, che non deve essere effettuata all’ultimo momento, perché la consegna dei mobili può richiedere un po’ di tempo. Inoltre, probabilmente adesso non avete tanta voglia di passeggiare nei negozi e a volte per le scartoffie bisogna rispettare determinate scadenze. Ecco i consigli più importanti.

Cameretta del bebè: nei primi mesi, in particolare durante l’allattamento, può essere più comodo se il bambino dorme nella stessa camera dei genitori.


Arredamento cameretta del bebè: state attenti che i rivestimenti del pavimento, le pareti, i mobili e gli elementi decorativi siano privi di sostanze nocive. Tinteggiate la cameretta alcune settimane prima che il bambino dorma lì dentro, in modo da far asciugare i nuovi colori delle pareti o dei mobili. Non sollevate o trascinate mobili pesanti e non inalate vernici o gas mentre tinteggiate o tappezzate il locale, perché tali sostanze possono risultare velenose per il bambino. Una cameretta per bambini dovrebbe contenere le seguenti cose.

Zona notte:

  • culla o culla da attaccare al letto matrimoniale
  • materasso rigido affinché il bambino non sprofondi
  • importante: nessun guanciale!
  • coprimaterasso impermeabile
  • lenzuolo teso
  • 2 sacchi a pelo per bebè da intercambiare
  • ev. babyphone

 

Zona fasciatoio:

  • fasciatoio
  • materassino lavabile
  • pannolini
  • salviettine, ciotola per l’acqua calda, panno
  • secchio per pannolini con coperchio

 

Zona bagno:

 

Lato amministrativo e scartoffie:

  • presentare la richiesta per l’assegno familiare
  • preparare l’accordo relativo alla regolamentazione dell’assistenza e ai costi di mantenimento/contratto di mantenimento (ev. con l’aiuto di un giurista)
  • per le coppie non sposate: disciplinare gli alimenti e il diritto di tutela (richiedere all’autorità tutoria il diritto di tutela congiunto e inoltrare il vostro accordo relativo alla regolamentazione dell’assistenza e ai costi di mantenimento)
  • richiedere le prestazioni di maternità (diritto al congedo di maternità di 14 settimane o 98 giorni e all’80% del salario durante questo periodo)
  • verificare l’assicurazione e se necessario modificarla
  • ev. stipulare un’assicurazione malattia per il neonato
  • pianificare con il vostro medico gli esami preventivi del bambino
  • annunciarsi al più presto al corso di preparazione al parto
  • preparare i documenti per il parto (le coppie sposate portano il libretto di famiglia in ospedale o al centro d’ostetricia al momento del parto e una conferma del domicilio non più vecchia di 6 mesi). Gli stranieri portano, oltre ai documenti citati, una copia del libretto per stranieri e il passaporto. Le donne nubili portano in ospedale o al centro d’ostetricia, oltre alla conferma del domicilio, una copia del passaporto o della carta d’identità e la conferma di riconoscimento del bambino, se disponibile. Potete richiedere la conferma del domicilio all’ufficio controllo abitanti del vostro Comune
  • preparare i biglietti di annuncio della nascita e il loro invio
Indicazione giuridica Colofone