Condividere momenti Giovani adulti Ciao mamma, vado a vivere da solo! Appartamento condiviso o per conto proprio? Un semestre all’estero Soggiorno linguistico o alla pari Entrate in servizio ben preparati Grassrooted Cosa mettere in valigia Immagine Contraccettivi Alimentazione vegana Ciao mamma, buongiorno coinquilino Tante mete, pochi soldi Finanzielle Vorsorge Desiderio di maternità Monitorizzare la fertilità Il momento giusto Il contributo dell’uomo Fertilità e alimentazione Il controllo medico Fatti importanti sull’ovulazione Consigli se non funziona Tre rilevatori della fertilità e del ciclo a confronto La coppia e il desiderio di avere un figlio Gravidanza Esami durante la gravidanza Come mi alimento in modo corretto? La mia gravidanza prosegue normalmente? Consigli per la quotidianità A cosa devo prestare attenzione durante i viaggi? La mia gravidanza prosegue normalmente? Cosa occorre per il bebè? Dove e come voglio partorire? Cosa devo mettere in valigia per il parto, cosa preparo? Come trasformo l’appartamento a misura di bambino? La mia gravidanza prosegue normalmente? Come mi preparo in modo ottimale al bambino? Come mi preparo in modo ottimale al parto? Apporto energetico Rapporto genitore figlio Preparazione all’allattamento Assicurazione Smagliature Dormire Rottura delle acque Baby blues Gravidanza a rischio Contrazioni preliminari Formalità Nausea Camera familiare Il nostro bebè Il bagnetto del bebè L’udito dei bebè La farmacia per il bebè Cura del bebè Mio figlio si sta sviluppando normalmente? Sviluppo del bebè: 1° e 2° mese Mio figlio si sta sviluppando normalmente? Sviluppo del bebè: 3° e 4° mese Cura del bebè Allattamento Quando si inizia con le pappe? Peso Scatti di crescita del bebè Giocattoli Protezione solare per bebè Zahnen Infortuni ai denti Il vostro bebè nel 5° e 6° mese Esercizi pratici per il pavimento pelvico Babyschlaf Festeggiare e godersi la vita Natale e Capodanno diversi dal solito Il piacere da un punto di vista filosofico Il piacere c’è anche nella mensa dei poveri a Zurigo Consigli per meno stress e più serenità durante le feste Natale: una festa con qualche insidia Intervista con René Rindlisbacher Vivere meglio con un’insufficienza cardiaca Alejandro Iglesias Hana Disch Patrizio Orlando Vaccini e medicinali Raffreddore da fieno Le tre fasi della felicità Sette consigli per essere più felici Bambini in lock down Dipendenza da Internet I sintomi dell’infarto nella donna Decisioni Rapporto dall'ospedale Consigli per decidere Donare un rene Una vita di decisioni Trasferirsi in Sud America Geocaching Essere attivi Attivi durante la gravidanza Come ci si comporta con lo sport e il movimento nella gravidanza? Ginnastica pre e postparto In piedi in modo corretto Alimentazione sana Smoothie verdi Vitamin D Uova Il cioccolato un toccasana? Programma nutrizionale I grassi buoni Nutrire i muscoli Quanto zucchero al giorno? Quanto grasso si può consumare al giorno? Intolleranza al lattosio Alimentazione sana e telelavoro Low Carb Codici E e altri additivi nel cibo Individuo e alimentazione Un cuore sano Intervista a Christophe Wyss Sport per il cuore Gli effetti della psiche sul cuore Consigli per un cuore sano Ipertonia: come misurare la pressione Ipertensione: informazioni sulla pressione alta Denti sani Aiuto in caso di gengive infiammate Il dentista spiega 5 consigli per una corretta igiene orale Cambiare abitudini Senza un obiettivo i gadget non servono a nulla Ricordati questa sensazione! Cambiare abitudini in 10 passi La pazienza premia Fitnessmotivation Coaching per la corsa ABC della corsa Corsa a Sarnen Fattori della forma fisica Piano settimanale Scarpe da corsa Ginnastica di potenza Alimentazione per la corsa Sport compensativi Riscaldamento Stretching Abbigliamento funzionale Fitness tracker Acquisti - Abbigliamento per allenarsi Corsa per le donne Metodo Jacobson Rigenerazione Retrospettiva coaching per la corsa Lo sport postparto Ginnastica postparto Spalle sciolte Allenamento Kanga Workout durante la passeggiata I consigli degli esperti Stress e rilassamento Muovere l’aria Mit Yoga gegen Stress Cosa è lo stress Rilassarsi meglio Affrontare lo stress Cos’è il burnout? «Il primo passo è prendere le distanze» Causare stress Ridurre lo stress Stressor Le più belle saune della Svizzera Sentirsi meglio sudando Rilassarsi respirando Corretta rigenerazione: falsi miti Come la consapevolezza riduce lo stress Il sonno Tendenze sportive Boxe Slackline Bouldering Ginnastica miofasciale Stand Up Paddling Con efficienza al limite Swing e Lindy Hop Danza al palo Escursionismo Mal di montagna Sette percorsi a prova di carrozzina Cercasi: carrozzina da fuoristrada Accidenti, si è staccata la suola! Escursioni col bebè: tutto quello che c’è da sapere Laghi di montagna Desiderio di maternità: Fertilità e sport 10 000 passi al giorno Scale Pump track Bambini con una schiena sana Exercizi per la schiena Stare seduti in modo corretto al posto di lavoro Giocare nel bosco Giocare per crescere Promozione del movimento Pantofolai Motivazione Svizzera: un paradiso per le slitte ABC curling Con l’aquilone nella neve Escursioni con le racchette da neve Prevenire le cadute Pattinaggio in linea Nuotare Il nuoto Ali per la vita Stretching Consigli per tour in bici Esercizi di stretching per andare in bici koerper-und-kaelte Denti sani grazie a cura e profilassi La forza sta nella volontà Consigli pratici per denti sani Allenamento a casa Miti sui denti Coronavirus: 10 consigli contro la paura e l’ansia Cura delle mani Come si rigenera il nostro corpo Addominali forti in cinque minuti Restare in forma durante le vacanze Aiuti per il nuoto Allenarsi efficientemente: quanto sport a settimana? Raccogliere funghi, ma in modo giusto Vorsorgeuntersuchungen Dehnübungen in fünf Minuten Gehirntraining Rückenschmerzen Licht Yogastile Ayurveda-Morgenroutine Consigli per lo sport all’aperto d’inverno Sci di fondo per principianti Rimedi casalinghi contro la forfora Rimedi fai da te Rimedi casalinghi contro la cistite Rimedi contro il mal di gola Rimedi contro l’emicrania Rimedi contro l’eccessiva sudorazione Rimedi contro l’allergia solare Piedi sani, schiena sana Mountain bike: esercizi efficienti Check dei sintomi Lo sport post COVID-19 HIIT: un allenamento efficace Dolori muscolari: tra mito e realtà Analisi dei miti sulla balneazione I sì e i no dell’allenamento in giovane età Video di allenamenti Allenamento full body Protezione solare Mentalmente forti Forza mentale Psicosomatica Cosa rende forte la psiche Consigli contro il calo di umore Igiene del sonno e psiche Resilienza Depressioni Attacchi di panico DDAI: sintomi nei bambini e negli adulti Malattie psichiche: aiuto per i familiari Convivere oggi Vita digitale Gli idoli dei giovani Influencer Influencer in tematiche legate a salute e sanità Dipendenza dalla rete Tentazione digitale I bambini e i media digitali Tensioni da smartphone Responsabilità digitale e solidarietà Il cervello ama le abitudini Cambiare abitudini? Ahahah! Kaizen Desiderio di maternità: Quando un figlio non arriva Desiderio di maternità: Rimanere incinta: i fatti Diagnosi: bimbo in casa Diventare genitori Studio sulla solidarietà I nuovi arrivati Vivere insieme domani Nomadi digitali Casa multigenerazionale «Giesserei» Il regista cieco Coinquilini cercansi Lavorare in movimento Lo studio medico del futuro La nostra pelle, strato per strato Una conversazione tra quattro generazioni Hausarzt und Corona Rientro sicuro in ufficio Crisi coronavirus: insieme, cantando Crisi coronavirus: Il lavoro nel reparto di terapia intensiva Lavorare in una casa di cura Rigenerazione: imparare dai bambini Crisi coronavirus: aiuto per i più deboli Secondo parere Rapporto di coppia e figli Tre domande che ci rubano il sonno Outing Lo scopo delle menzogne Vorsorge Trovare informazioni sulla salute in rete Impfstoffe entwickeln Organizzare il proprio tempo libero Long Covid evitare lo stress nel tempo libero Youtuber Aditotoro sulla pandemia Minimalista e felice Più tempo in famiglia Ritorno alla vita dopo l’incidente in parapendio Sgomberare: la risposta al caos Come vive e ama una persona autistica Sviluppare il domani App nel test Aqualert CRS per donare sangue Codecheck Forest Freedom Freeletics Moment I tre omini del sonno PeakFinder Findery Sei app messe alla prova La storia del cuore artificiale Uso di Internet Independent Living Pantalone high tech Protesi L’ospedale del futuro Nuova pelle per le vittime di ustioni Psicoterapie online Lo sviluppo di nuovi medicinali I generici hanno lo stesso effetto? Visione del futuro: come vivremo fra 30 anni Speranza per i paraplegici Newsletter Sanitas

La fortuna di non dover vivere da soli

A Winterthur, 350 persone vivono in una casa multigenerazionale autogestita. Tre di loro raccontano perché apprezzano tanto questo modo impegnativo di convivere.

Testo: Barbara Lukesch / Marco Rosasco, foto: p..g.c.

Quando si entra nel cortile interno, ci si trova immediatamente in un mondo a parte. L’enorme spazio, circondato da case di legno rosso a sei piani in stile svedese, è divisa in tre aree: la «piazza del paese» con una fontana di legno di quercia, che nelle giornate estive diventa una piscina per grandi e piccini, un parco giochi per i bambini con una nave di legno, strutture per arrampicarsi, vela ombreggiante e sabbiera e un lungo tavolo al quale gli adulti possono sedersi e godersi l’ombra sotto la pergola. Ovunque crescono alberi, rose e insalata nell’orticello dei bambini: una vera oasi verde.

Hans Suter saluta due donne che stanno aiutando i loro piccoli a decorare il pavimento con del gesso e alcune ragazze che si godono il pomeriggio libero. Lo conoscono tutti, il signore alto con il suo berretto beige e la coda di cavallo bianca. Il 72enne ama definirsi l’«istigatore» del progetto abitativo intergenerazionale nella «Giesserei» di Winterthur. Insieme alla moglie e alla figlia, l’architetto aveva già vissuto in un comprensorio simile nel Toggenburg, anche se molto più piccolo. Quando il periodo dedicato alla famiglia stava ormai giungendo a termine, decise di trasferirsi a Winterthur, una città che gli era sempre piaciuta. E' una persona che da un lato ha bisogno di pace e tranquillità e di occasioni per ritirarsi, ma dall’altro anche della compagnia di amici e conoscenti con i quali «trascorrere del tempo», racconta nell’atelier alla Ida-Sträuli-Strasse.

Costoso progetto XXL

Suter ha finalmente trovato un ambiente adatto nella vecchia fonderia chiamata «Giesserei», dove ha potuto realizzare la sua visione di una casa multigenerazionale. Un progetto gigantesco che è costato oltre 83 milioni di franchi e ha potuto essere realizzato solo con l’aiuto della cooperativa gesewo (Genossenschaft selbstverwaltetes Wohnen). La casa multigenerazionale ospita più di 350 persone in 150 appartamenti su ben 11 000 metri quadri. Dispone di vari locali comuni come una sala per le feste e le riunioni degli inquilini, tre atelier e diverse lavanderie che si distinguono da quelle tradizionali poiché invitano a soffermarsi e a chiacchierare.

«Abbiamo subito provato l'incredibile energia; eravamo come elettrificati.»

I primi inquilini si sono trasferiti nel 2013. Oggi può accadere che le persone interessate debbano aspettare più di due anni prima che un appartamento diventi disponibile.

Christian Schaad si è trasferito insieme alla sua compagna Franziska von Grünigen e ai due figli piccoli tre anni fa. La famiglia viveva a Winterthur e durante un’escursione si era ritrovata per sbaglio nel cortile interno della «Giesserei»: «Abbiamo subito provato l’incredibile energia; eravamo come elettrificati», racconta l’insegnante e noleggiatore indipendente di attrezzature cinematografiche. Un’avventura affascinante, pensò, niente di più. Ma quando la famiglia voleva traslocare nel 2016, scoprì per caso un appartamento libero di sei stanze e mezzo nella «Giesserei». A un prezzo di 2670 franchi, comprese le spese accessorie e un prestito obbligatorio di 86 000 franchi, decisero di buttarsi.

Orario obbligatorio per il bene comune

Fortunatamente hanno soddisfatto i criteri di accettazione alla casa multigenerazionale, che sono riportati in un ampio catalogo: avevano un’età di 45 e 38 anni, due figli che davano loro diritto a un appartamento grande, non avevano un’auto e, cosa molto importante, erano disposti fin dall’inizio a svolgere circa trenta ore obbligatorie all’anno, a beneficio della comunità. Christian Schaad, ad esempio, si occupa del sito web e del calendario culturale. Altri gestiscono le sale comuni o puliscono le scale. Chi si ammala per un periodo di tempo più lungo o è molto impegnato sul lavoro può essere esentato da tale obbligo pagando una somma di venti franchi all’ora; il denaro confluisce nel fondo comunitario.

Incoraggiare lo scambio

Se si chiede a Christian Schaad cosa ne pensa oggi del modo di vivere convenzionale, ride: «Trovo questo modo di vivere assurdo.» Le persone cercano di evitare ad ogni costo il contatto con i vicini. «Nel nostro comprensorio non esistono pareti divisorie tra i terrazzi, così viene incoraggiato lo scambio». Inoltre apprezza anche la convivenza tra diverse generazioni. Punta su Isabelle Sorbé e racconta: «L’estate scorsa i miei figli hanno per esempio piantato lattuga con Isabelle.»

La 69enne, un’inquilina della prima ora, coglie la palla al balzo e racconta come un giovane padre di una famiglia l’ha aiutata quando aveva problemi con il computer; in cambio si occupa di tanto in tanto dei suoi figli: «Qui la solidarietà viene vissuta, anche nel modo in cui le persone emarginate possono facilmente integrarsi. Abbiamo uomini e donne provenienti da 20 Paesi diversi, tra i quali Iran, Pakistan, Mongolia, Congo, Italia, Germania e Svizzera, e tutti hanno con il tempo imparato ad andare d’accordo. Anche grazie alle feste durante le quali ognuno contribuisce con specialità del proprio paese.

Un «villaggio con gente comune»

Christian Schaad descrive questo comprensorio, che comprende tra l’altro un asilo nido, un bar e uno studio medico di gruppo, come «un villaggio con gente del tutto comune che a volte ha anche conflitti, ma che ha la volontà di vivere in una comunità e condividere molto.» La sua compagna e lui apprezzano le due chat di gruppo su Whatsapp, che gli permettono di discutere con gli altri inquilini. Hans Suter concorda: «Nel nostro comprensorio vivono persone aperte, molto comunicative e socialmente impegnate, e il 60% sono donne.»

Ma anche le donne hanno di tanto in tanto bisogno di privacy e della possibilità di ritirarsi. Isabelle Sorbé annuisce. Due anni fa, dopo una malattia, ha sentito per alcuni mesi il bisogno di starsene per conto suo: «Mi hanno lasciato fare, anche se», sorride ed esita qualche secondo, «a volte avevo i sensi di colpa. Quando si vive in una tale comunità non è sempre facile sottrarsi a una certa pressione di gruppo. Non si può negare.» I due uomini relativizzano la loro affermazione sottolineando che molto dipende anche dalla propria percezione: «Isabelle, nessuno ti ha biasimato per essere stata meno presente durante quel periodo.»

Naturalmente, un progetto autogestito come la loro casa funziona solo se una gran parte degli inquilini con diritto di voto partecipa alle discussioni democratiche, ammette Christian Schaad. E' importante organizzarsi in gruppi di lavoro e partecipare alle sei riunioni degli inquilini all’anno. Sono più che soddisfatti della media di 100 partecipanti, che corrisponde a due quinti degli inquilini con diritto al voto: «In tal modo è rappresentata una grande parte dei nostri residenti.»