«Le amicizie diventano sempre più importanti»

Come è cambiata la convivenza nella popolazione negli ultimi anni e cosa ci riserva il futuro? Il sociologo zurighese François Höpflinger sulle forme di convivenza e di vita in Svizzera.

Testo: Barbara Lukesch | Immagini: zVg

Signor Höpflinger, come è cambiata la convivenza delle persone negli ultimi decenni?

François Höpflinger: L’ondata di individualizzazione iniziata alla fine degli anni '50 e all’inizio degli anni '60 ha portato a una forte crescita dei nuclei familiari composti da una o due persone. Allo stesso tempo, le economie domestiche con cinque o più persone sono diventate più rare e le famiglie di tre generazioni sono quasi completamente scomparse. Da una decina d’anni si osserva che le persone stanno nuovamente intensificando i contatti sociali al di fuori del proprio nucleo familiare, soprattutto nelle città. L’amicizia e le relazioni di vicinato stanno diventando sempre più importanti, sia per gli ottantenni che per i giovani.

È sorprendente! Molti temono che Internet possa trasformare i giovani in persone sole e isolate.

Ma in realtà è vero l’esatto contrario. La maggior parte dei giovani interagisce più che mai. Facebook, Instagram e Whatsapp hanno rafforzato le loro relazioni sociali. Organizzano e celebrano sempre più feste, e quando hanno figli si scambiano i vestiti dei bambini.

Le piccole economie domestiche hanno il loro prezzo. Il loro aumento ha anche a che fare con la prosperità economica in ampie zone della Svizzera?

Assolutamente sì. Basta considerare il numero crescente di giovani coppie che stanno insieme ma che vivono in abitazioni separate. Questo ha il suo prezzo. Oggigiorno le donne sono sempre più qualificate a livello professionale e fanno carriera, così i soldi ci sono e i giovani ne spendono volentieri una parte per finanziare due economie domestiche. Abbiamo notato uno sviluppo simile anche nella tendenza di trascorrere le vacanze separatamente: lui va in Grecia con gli amici, lei in Islanda con una collega; così funzionano le coppie moderne e sicure di sé.

Le relazioni di vicinato stanno diventando sempre più importanti, sia per gli 80enni che per i giovani.

Che valore ha la fedeltà sessuale nelle relazioni di coppia così aperte?

È interessante notare che la fedeltà continua a essere vista come un valore fondamentale all’interno della coppia. Le idee romantiche di amore eterno e fedeltà sessuale sono estremamente stabili. In effetti sono più diffuse oggi che negli anni '70 e '80. Ma qualcosa è cambiato. L’amore non deve necessariamente essere suggellato dal matrimonio. E quando le coppie si sposano, i matrimoni vengono celebrati come eventi tra amici e qualche parente, mentre un tempo erano occasioni puramente familiari.

Come vive una giovane famiglia oggi?

Coppie che non hanno ancora figli sognano una famiglia di quattro persone e un appartamento in campagna. Non appena arrivano i bambini, la maggior parte di loro scopre i vantaggi della città. Si parla di un vero e proprio «familialismo urbano», che è fortemente legato al fatto che alcune città sono diventate più a misura di famiglia: buoni collegamenti con i mezzi di trasporto pubblici, interessanti opportunità di formazione, un numero sufficiente di asili nido e cooperative di abitazione. La città di Zurigo sta attualmente vivendo un baby boom perché il 37 percento delle giovani famiglie può vivere in appartamenti cooperativi a basso costo.

Cosa ci riserva il futuro? Come vivranno le persone tra 20 anni?

Il numero di economie domestiche piccole continuerà a crescere. Allo stesso tempo, tuttavia, le combinazioni stanno diventando sempre più interessanti: grandi progetti immobiliari offriranno sia piccoli appartamenti per single giovani e anziani, ma anche appartamenti per famiglie più grandi. Diversi studi dimostrano che la maggior parte delle persone vuole vivere in modo intergenerazionale. Questo non significa che i giovani e gli anziani debbano avere per forza a che fare gli uni con gli altri, ma una coesistenza rilassata tra persone di diverse età sarebbe molto apprezzata.