Impresa Corporate governance Struttura aziendale Gestione integrale del rischio Compliance Indennizzi Visione e valori Sanitas in cifre Partner IT partner Medicina Distribuzione Innovazione Le nostre sedi Carriera Posti vacanti La tua missione Consulenza ai clienti Distribuzione mobile Cosa ti offriamo Dove lavoriamo Come iniziare nel mondo del lavoro Apprendisti e praticanti SMC Trainee e praticanti universitari Impegno Fondazione Sanitas Solidarietà nel mondo digitale Impegno nella promozione Ufficio della Fondazione Sanitas Challenge Award Protezione del clima Media e pubblicazioni Nei media Ufficio stampa Comunicati stampa Immagini per la stampa Pubblicazioni di terzi News Newsletter Sanitas Social Media Rivista per i clienti Sanitas Rapporto di gestione

Monitoraggio «Società digitale e solidarietà»

Monitor

Con il monitoraggio «Società digitale e solidarietà» la Fondazione Sanitas Assicurazione Malattia commissiona ogni anno un sondaggio per analizzare la vita e il comportamento delle persone in Svizzera nel contesto della digitalizzazione.

Risultati monitoraggio «Società digitale e solidarietà» 2021

La pandemia del coronavirus ha fatto avanzare ulteriormente la digitalizzazione. Per molti, le possibilità digitali come la videotelefonia o lo shopping online ai tempi del distanziamento sociale erano inizialmente inusuali, ma poi sono diventati rapidamente parte della vita quotidiana. Il monitoraggio mostra aspetti della digitalizzazione nei periodi di pandemia che influiscono sulla popolazione. Sorprendentemente, l’ansia da prestazione digitale è diminuita.

In generale, la digitalizzazione ha una connotazione meno negativa rispetto a qualche anno fa. Dopo circa un anno di COVID-19 la popolazione continua a fare un uso elevato dei canali e delle offerte digitali, registrando solo un minimo aumento. Solo la videotelefonia si è raddoppiata e, nell’uso di servizi di streaming come Netflix, la generazione più anziana accorcia le distanze con la generazione giovane.

Mentre un anno fa la trasformazione digitale era associata a una forte ansia da prestazione, soprattutto tra i giovani, il lockdown parziale rivela un fenomeno sorprendente: nella vita professionale, nel settore della salute, per quanto riguarda i social media come Instagram e Facebook, ma anche nello sport, la popolazione nel gennaio 2021 sente significativamente meno ansia soggettiva da prestazione. Le sfide poste dagli strumenti digitali sembrano essersi notevolmente attenuate in tempi di home office e contatti sociali limitati. Oppure assumono semplicemente una prospettiva diversa, data la natura eccezionale della pandemia. Resta da vedere come la popolazione farà tesoro di questa esperienza una volta che il coronavirus sarà passato e si tornerà a una maggiore normalità.

In merito allo studio: dall’8 al 18 gennaio 2021, 2344 partecipanti hanno preso parte al sondaggio online condotto dal centro di ricerca Sotomo. La selezione e la ponderazione mirata delle persone garantiscono un campione rappresentativo che si avvicina alla popolazione svizzera dai 18 anni in su.

Risultati selezionati

La crisi del coronavirus mette in prospettiva l’ansia da prestazione digitale: la diminuzione è particolarmente pronunciata nella vita professionale; invece del 45 percento, solo il 18 percento ora percepisce la trasformazione digitale come un aumento dell’ansia da prestazione. La decelerazione avviene nella rete sociale: il coronavirus costringe a ritirarsi tra le proprie quattro mura e, in più, toglie il focus dal mercato sociale. La «Fear of Missing Out» (FoMO), cioè la paura di perdersi qualcosa si è ridotta portando da un lato a un minore utilizzo dei canali dei social media (80% rispetto al 92% all’inizio del 2020) e quindi a un’ansia da prestazione significativamente più bassa. Parallelamente, l’uso dei social media è significativamente più basso, soprattutto tra i giovani adulti.

 

Immagine 25: Pressione risentita a causa della misurazione digitale di dati relativi alle prestazioni o alla vita, in base all’età

«Grazie alla misurazione digitale di dati relativi alle prestazioni o alla vita vi sono più possibilità di paragone. Vi sono degli ambiti in cui si sente ulteriormente sotto pressione per questo?»

La fiducia è la base per la condivisione dei dati legati alla salute: il beneficio personale e il beneficio per la comunità, i fattori che decidono se condividere i dati della salute o meno, sono rispettivamente al 62 e al 44 percento. Con il 70 percento di consenso, la cosa più importante per gli intervistati, tuttavia, è la fiducia nel destinatario dei dati.

Immagine 33: Fattori a favore della condivisione di dati sulla salute

«Quali sono i fattori decisivi che la inducono a mettere a disposizione i suoi dati sulla salute a una persona/organizzazione?»

La misurazione della vita cambia il comportamento: il 41 percento degli intervistati misura attivamente il proprio numero di passi giornalieri, e quasi la metà di loro trova che ciò abbia cambiato il loro comportamento. Questo significa che un considerevole 20 percento di tutte le persone in Svizzera ritiene di camminare più spesso e/o più a lungo di prima grazie alla registrazione dei passi. La registrazione digitale del rendimento atletico porta anche a cambiamenti comportamentali in circa una persona su due.

Immagine 23: Influsso di un regolare monitoraggio di diverse attività sul comportamento

«Quali hanno comportato un cambiamento durevole nel suo atteggiamento?»

Covid tracing e registrazioni online; ambivalenza nella popolazione: gli intervistati sono più preoccupati per l’uso improprio dei dati quando si inseriscono voci nei moduli online, come ad esempio per le visite al ristorante, piuttosto che quando si usa l’app SwissCovid. Tuttavia, la registrazione online per i ristoranti è usata più spesso dell’app. La destra politica e la popolazione meno istruita sono particolarmente critiche per quanto riguarda il tracciamento di contatti con l’app SwissCovid, che serve principalmente alla popolazione generale. Questo esempio mostra anche che le persone preferiscono condividere i loro dati quando traggono un beneficio personale, cioè l’ingresso a un ristorante o a un evento, nonostante le preoccupazioni per la protezione dei dati.

Sorprendentemente alto, al 45 percento, è stato il consenso che paesi come la Corea del Sud o Taiwan dovrebbero essere usati come modello in una futura pandemia: questi hanno ridotto al minimo la protezione dei dati a favore di un monitoraggio temporaneo della mobilità attraverso i dati del telefono cellulare. La diffusione del virus può così essere prevenuta con successo. Non c’è stata quasi alcuna differenza nel grado di approvazione in base all’appartenenza politica, ma gli anziani erano più favorevoli dei giovani.

In conclusione: in caso di una nuova pandemia, circa la metà della popolazione vorrebbe limitare temporaneamente la protezione dei dati a favore delle libertà nella vita quotidiana.

Immagine 28: Approvazione al monitoraggio di dati del cellulare con l’obiettivo di contenere una pandemia

«Paesi come la Corea del Sud o il Taiwan hanno ridotto la protezione dei dati durante la pandemia e sono così riusciti a contenere la diffusione del virus grazie al monitoraggio dei dati dei cellulari. In caso di una nuova pandemia: è dell’avviso che la Svizzera dovrebbe adottare un monitoraggio dei dati dei cellulari simile per la durata della pandemia?»

La solidarietà nel sistema sanitario di domani: per quanto riguarda la prevenzione, la metà degli intervistati pensa che non sia solidale se qualcuno si comporta in modo malsano, rischiando così alti costi sanitari a spese della collettività. Tra le persone politicamente di destra, la cifra è di due terzi. Allo stesso tempo, il 42 percento ritiene che il comportamento malsano non sia una mancanza di solidarietà, anche se la persona interessata sa di una maggiore predisposizione alla malattia.

Immagine 49: Approvazione dell’affermazione: un comportamento malsano va contro il principio di solidarietà; in base all’orientamento politico

«Da un esame medico emerge che una persona ha una predisposizione a malattie cardiovascolari. Ciò nonostante continua a nutrirsi in modo malsano e a fare troppo poco movimento. Questa persona va contro il principio di solidarietà perché crea elevati costi della salute per la collettività?»

Alla domanda sulle possibilità della medicina personalizzata del futuro, l’80 percento degli intervistati crede che anche le costose terapie speciali per il cancro debbano essere pagate dall’assicurazione base se ci sono buone possibilità di guarigione. Anche se questo potrebbe far aumentare i premi dell’assicurazione della collettività. I partecipanti al sondaggio esprimono quindi il loro sostegno al finanziamento solidale delle conquiste della medicina personalizzata.

La domanda se «nuove e costose cure personalizzate» debbano essere coperte dall’assicurazione base, anche a costo di premi più alti per tutti, dipinge un quadro differenziato. Circa un terzo ritiene: «Sì, assolutamente». Tuttavia, per due terzi degli intervistati, devono essere soddisfatte alcune condizioni. Per esempio, che i pazienti ottengano un miglioramento significativo della qualità della vita come risultato della cura.

Gli intervistati si sono quindi trovati a dover soppesare il rapporto tra costi e benefici in relazione alle opzioni di finanziamento.

Le reazioni degli intervistati mostrano: con il progredire dello sviluppo della «pillola personale», le discussioni fondamentali sulla progettazione del sistema sanitario di domani occuperanno ancora più spazio nell’agenda politica.

Immagine 46: Rimborso di medicinali personalizzati più costosi dall’assicurazione base: condizioni base

«In futuro, saranno possibili nuove cure personalizzate, ma queste possono essere molto costose. Queste cure devono essere pagate dall’assicurazione base, anche se questo fa aumentare i premi per tutti?»

Internet, Google, login, tracce in rete: questa è la realtà della società digitale. E la pandemia da coronavirus ha accelerato la digitalizzazione ampliandola a nuovi ambiti della nostra vita. Ma, prima della pandemia, in che modo vedevano le persone le opportunità e i rischi della società dei dati? Cosa ne pensano della crescente misurazione della vita? E questo sviluppo come si ripercuote sulla solidarietà sociale?

Dai risultati del monitoraggio «Società digitale e solidarietà» 2020 emerge che il comportamento della popolazione è ambivalente. Usufruisce diligentemente delle offerte digitali, temendo però la trasmissione di dati. Crede molto nella solidarietà sociale ma pretende sempre più spesso offerte calcolate in base su proprio comportamento, come i premi dell’assicurazione malattia.

Complessivamente, dal 9 al 16 gennaio 2020 sono state intervistate 2297 persone sul loro comportamento e sulla loro posizione. La selezione delle persone e la ponderazione del sondaggio garantiscono che il risultato sia rappresentativo della popolazione svizzera dai 18 anni in su. Il nostro partner per il sondaggio è l’Istituto di ricerca sotomo di Zurigo.

Selezione sintetica dei risultati

  • La digitalizzazione fa sempre meno paura: oggi, per il 44% degli intervistati la digitalizzazione è soprattutto sinonimo di progresso. La associano a caratteristiche positive come l’efficienza, l’ampliamento delle opportunità o la trasmissione di informazioni. Questo rispecchia la voglia di autodeterminazione e miglioramento di se stessi.
  • Maggiore uso dei canali digitali: rispetto all’anno precedente è aumentato l’uso regolare di servizi di streaming (51%), memorie di dati nelle cloud (53%) e social media (67%). Anche secondo lo splitting per fasce d’età, ad esempio per i social media: dai 18 ai 35 anni (92%), dai 36 ai 55 anni (64%), oltre i 55 anni (43%).
false
  • Maggiori incertezze tra i giovani: il 38% delle persone tra i 18 e i 35 anni si sente confuso dagli sviluppi della digitalizzazione, contro il 28 percento tra le persone di età superiore ai 65 anni. Inoltre, soprattutto gli anziani si esprimono in modo sempre più positivo nei confronti della digitalizzazione. I giovani, che hanno ancora davanti a sé tutta una vita e la propria carriera, sembrano avere più remore.
  • Costante pressione a causa della diffusione digitale: il 44% dei lavoratori si sente messo sotto pressione sul posto di lavoro. Una percentuale quasi identica a quella del 2019. La pressione risentita nel settore sanitario fa invece un enorme salto passando dal 25% al 32%.
  • La tendenza a misurare la vita: sempre più spesso vengono registrati dati relativi alle proprie attività e alla propria salute. Grazie al contapassi, oltre il 20% della popolazione va più spesso o più a lungo a piedi, soprattutto le donne. E già il 58% delle donne tra i 15 e i 35 anni registra il proprio ciclo in modo digitale. Il 19% misura la frequenza cardiaca; valore raddoppiato rispetto all’anno precedente.
  • Scetticismo sulla condivisione dei dati sulla salute: l’84% degli intervistati condividerebbe i dati che ha registrato con il medico di famiglia, ma molte meno persone lo farebbero con medici specialisti (64%), la ricerca medica (47%) oppure con un’assicurazione o una cassa malati (15%).
  • Effetti della digitalizzazione sulla solidarietà: l’ambivalenza in merito alla solidarietà nel settore sanitario o assicurativo è sorprendente. La solidarietà delle persone sane nei confronti di quelle malate è considerata importante. Dal 2019, la solidarietà è aumentata di importanza (dal 56 a 63%). Al tempo stesso, nel 2020 per la prima volta la maggioranza (51%) ritiene che le persone che si mantengono in forma e seguono un’alimentazione sana dovrebbero essere ricompensate con un premio per la cassa malati inferiore. Un aumento di circa un quinto in soli 2 anni che potrebbe essere motivo di preoccupazione per il principio di solidarietà esistente.
  • La politica si allontana dalla popolazione: come tema speciale, l’attuale sondaggio confronta gli atteggiamenti della popolazione con quelli dei candidati al Consiglio nazionale del 2019. Nel complesso, i politici (92%) hanno una visione più positiva degli effetti della digitalizzazione rispetto alla popolazione (70%). E due terzi della popolazione, ma soltanto un terzo dei politici, pensano invece che la digitalizzazione causi più disparità a livello lavorativo. Vi è quindi un divario tra l’opinione dei politici e quella della popolazione?

Download

Il secondo sondaggio online rappresentativo sul tema della solidarietà all’interno del mondo digitale è stato condotto a febbraio 2019. Che ne pensa la popolazione svizzera della crescente misurazione della vita? Quale tipo di solidarietà è importante per le persone? E come sono evoluti l’uso e l’atteggiamento nei confronti dei servizi digitali dal 2018?

false

Ecco i risultati più importanti

  • In linea di massima, la popolazione attribuisce grande importanza alla solidarietà dei ricchi nei confronti dei poveri, dei giovani con gli anziani, delle persone sane con quelle malate e addirittura degli anziani con i giovani.
  • Nel 2019, tuttavia, già la metà degli intervistati è a favore di sconti sui premi per le persone che si tengono in forma e mangiano sano.
  • Quasi due terzi (63%) delle persone che considerano il proprio stile di vita più sano di quello di altre persone della stessa età troverebbero addirittura appropriati sconti comportamentali sui premi. Ecco che la solidarietà finisce sotto pressione.
  • La popolazione vuole e utilizza le offerte digitali e contribuisce così all’ulteriore sviluppo di persone «trasparenti» dal punto di vista dei dati. Al tempo stesso, tuttavia, sussiste preoccupazione per la solidarietà sociale e dubbio a causa della crescente competizione all’interno della società.
  • La gente è un po’ meno scettica riguardo al cambiamento digitale in sé.
  • Gli intervistati vedono come vincitori della digitalizzazione le persone giovani, flessibili, istruite e competitive. Tuttavia, la svolta digitale accentua questo concetto di competizione all’interno della società e crea, così, ulteriore stress, soprattutto tra i giovani.
  • La misurazione digitale della vita tende a portare a una minore auto-responsabilità; la tata digitale prende il sopravvento.
  • L’uso dell’offerta digitale si mantiene allo stesso livello (elevato) dell’anno scorso. La fiducia nei raccoglitori di dati è aumentata leggermente. La raccolta di dati sembra essere accettata se, in cambio, sono disponibili offerte digitali gratuite o a basso costo.

Download

Il primo sondaggio si è concentrato principalmente su questioni relative alla propria misurazione della vita con lo smartphone, alla disponibilità a condividere i dati, al tema delle tracce e della protezione dei dati nonché alle aspettative della vita sociale in un futuro digitale.

Gli svizzeri registrano attivamente i dati relativi alla loro vita e al loro comportamento. Molte persone condividono apertamente il loro comportamento in quanto utenti, tuttavia hanno un’immagine piuttosto negativa nei confronti di una società sempre più caratterizzata dalla misurazione digitale.

false

Le conclusioni più importanti

  • La misurazione della vita è diffusa nella popolazione svizzera.
  • Le persone soppesano opportunità e rischi: preoccupazioni in relazione alla sfera privata vengono relegate in secondo piano nella vita quotidiana.
  • C’è scetticismo quando sono terzi a raccogliere i dati, in particolare se si tratta di imprese del settore privato, dell’ambiente di lavoro o addirittura di organizzazioni criminali.
  • Paure legate alla società digitalizzata: Creare valori come la solidarietà e l’autoresponsabilità è una sfida.
  • Si pone la domanda della responsabilità digitale.

Download

4751.jpg
Solidarietà
Impulsi

Quale influsso ha la digitalizzazione sulla solidarietà? La Fondazione Sanitas Assicurazione Malattia presenta studi e gestisce una piattaforma di discussione per esperti e think tank.

Maggiori informazioni
1202.jpg
Solidarietà
Manifestazioni

La Fondazione Sanitas Assicurazione Malattia partecipa attivamente al dialogo. Qui trovate una panoramica delle manifestazioni alle quali la Fondazione Sanitas ha partecipato.

Maggiori informazioni